Appalti pubblici: devono essere preventivamente indicati i criteri di valutazione adottati dagli Organi tecnici incaricati

Appalti pubblici: devono essere preventivamente indicati i criteri di valutazione adottati dagli Organi tecnici incaricati

Nella Sentenza n. 5656 dell’11 dicembre 2015, il Consiglio di Stato si esprime in materia di appalti pubblici, e rileva che, in base alla disciplina di settore (nazionale ed europea) e conformemente ai principi sul punto elaborati dalla Corte di giustizia Ue, i criteri, i metodi e le formule matematiche che presiedono alle attività valutative rimesse agli Organi tecnici incaricati di vagliare le offerte, devono essere preventivamente indicati nella legge di gara e la loro scelta non può essere rimessa al seggio di gara, meno che mai dopo l’apertura delle buste, come verificatosi nella controversia in esame.

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5656 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Avviso di accertamento: emanazione prima del decorso del termine di 60 giorni

Nella Sentenza n. 4543 del 5 marzo 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici rilevano che l’art. 12, comma 7,

Avvalimento: deve offrire alla stazione appaltante una garanzia di solidità del concorrente oltre che di corretta esecuzione dell’appalto

Nella Sentenza n. 51 del 7 gennaio 2020 del Tar Campania, i Giudici rilevano che l’esercizio dell’avvalimento può essere limitato,

Investimenti sui mutui anno 2013: il Decreto con il certificato per la richiesta dei contributi entro il 31 marzo 2014

La Direzione centrale della Finanza locale presso il Ministero dell’Interno, con un Comunicato pubblicato sul proprio sito internet il 27