Appalti: revocabile la sola aggiudicazione

Appalti: revocabile la sola aggiudicazione

Nella Sentenza n. 5026 del 29 novembre 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sul corretto esercizio della revoca nelle procedure di aggiudicazione di appalti pubblici. In primis, in via generale, i Giudici premettono che, mentre la revoca resta impraticabile dopo la stipula del contratto d’appalto, dovendo utilizzarsi in quella fase il diverso strumento del recesso prima del perfezionamento del documento contrattuale, al contrario, l’aggiudicazione è pacificamente revocabile.

Riconosciuta la revocabilità dell’aggiudicazione, i Giudici precisano che la regolazione della funzione considerata (l’amministrazione di procedure di aggiudicazione di appalti pubblici) impone di definire le condizioni del valido esercizio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Attività di utilità sociale: gli Enti Locali possono stipulare polizze assicurative che coprano i volontari coinvolti

Nella Delibera n. 69 del 22 dicembre 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere sulla

“Soccorso istruttorio”: attivabile in caso di difetto della sottoscrizione dell’offerta se è riconoscibile la provenienza della medesima

 Nella Delibera n. 420 del 15 maggio 2019 dell’Anac, la questione controversa riguarda la sottoscrizione dell’offerta economica da parte della

Personale: limiti e vincoli per assunzioni a tempo determinato e indeterminato

Nella Delibera n. 83 del 20 aprile 2018 della Corte dei conti Liguria, un Sindaco ha formulato 4 quesiti sull’applicazione