Appalti: tutte le Imprese che partecipano alle gare devono possedere i requisiti generali soggettivi di affidabilità morale e professionale

Appalti: tutte le Imprese che partecipano alle gare devono possedere i requisiti generali soggettivi di affidabilità morale e professionale

Nella Sentenza n. 5458 del 2 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che tutte le Imprese che partecipano alle gare di appalto devono possedere, a pena di esclusione, i requisiti generali soggettivi di affidabilità morale e professionale, rendendo obbligatoriamente le pertinenti dichiarazioni. In particolare, specificano i Giudici che, in base all’ordinamento di settore, tutte le Imprese che partecipano alle gare di appalto, incluse quelle raggruppate in Ati o indicate quali ausiliarie in sede di avvalimento, devono possedere, a pena di esclusione, i requisiti generali soggettivi di affidabilità morale e professionale, rendendo obbligatoriamente le pertinenti dichiarazioni. I Giudici

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Ddl. Bilancio 2021-2023”: il testo incassa l’approvazione definitiva del Consiglio dei Ministri

Al via l’esame del Parlamento Facendo seguito alla Deliberazione 18 ottobre 2020, il Consigli dei Ministri, riunitosi il 16 novembre

“Decreto Milleproroghe”: conversione in dirittura di arrivo alla Camera dei Deputati

Il Dl. 22 dicembre 2019 n. 162, cd. “Milleproroghe 2020” è attualmente in discussione alla Camera dei Deputati e oggi