Applicazione dell’art. 33, comma 3-bis, del “Codice dei Contratti pubblici” ai Servizi di accertamento e riscossione delle entrate degli Enti Locali

Applicazione dell’art. 33, comma 3-bis, del “Codice dei Contratti pubblici” ai Servizi di accertamento e riscossione delle entrate degli Enti Locali

Con il Comunicato 22 dicembre 2015, il Presidente dell’Anac rende noto che l’Associazione nazionale Aziende concessionarie Servizi entrate Enti Locali (Anacap) ha trasmesso la risoluzione con la quale ha ritenuto non sussistente per gli Enti Locali l’obbligo di centralizzazione degli acquisti di cui all’art. 33, comma 3-bis, del “Codice dei Contratti pubblici”, in relazione agli affidamenti dei servizi di accertamento e riscossione dei tributi, in considerazione della qualificabilità degli stessi come concessioni di servizi pubblici.

Il Presidente sottolinea che nella prassi è possibile rinvenire affidamenti a soggetti terzi della gestione delle entrate tributarie e patrimoniali di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Ddl. Stabilità 2018”: le principali misure per la P.A.

Il Consiglio dei Ministri, con il Comunicato-stampa n. 51 del 16 ottobre 2017, ha dato notizia dell’approvazione del Disegno di

“5 per mille”: erogati gli importi destinati ai Comuni riferiti all’anno d’imposta 2014

Con un Comunicato del Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, datato 21 giugno 2017, è stata resa nota

Iva: natura di contributo delle somme erogate dalle Regioni e dalle Province autonome alle Società di “Trasporto pubblico locale e regionale”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 22 del 31 marzo 2021, ha chiarito la natura di “contributi in conto