“Archivio nazionale degli stradari e dei numeri civici”: l’Istat e l’Agenzia delle Entrate invitano i Comuni a verificare i propri dati

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato nei giorni scorsi sul proprio sito web una Nota relativa allo “Archivio nazionale degli stradari e dei numeri civici”, banca dati nata dall’esigenza di avere un unico riferimento informatizzato e codificato, costantemente aggiornato dai Comuni, in grado di favorire la standardizzazione del dato relativo all’indirizzo.

In particolare, nell’ambito dello svolgimento delle attivitá propedeutiche al “15° Censimento della popolazione e delle abitazioni”, l’Istat ha rilevato una serie di discrepanze tra i dati contenuti nelle seguenti banche-dati:

1.    “Sistema di gestione della rilevazione”: indirizzi della popolazione e delle abitazioni censite dall’Ufficio comunale di censimento;

2.    “Archivio degli edifici”: indirizzi degli edifici censiti mediante Modello Istat/Edi dall’Ufficio comunale di censimento;

3.    “Rilevazione dei numeri civici” (solo per i Comuni capoluogo di Provincia o con popolazione superiore ai 20.000 abitanti alla data del 1° gennaio 2008);

4.    “Archivio nazionale degli stradari e dei numeri civici”: indirizzi comunali pre-censuari.

Da qui la richiesta dell’Istat (comunicata per mezzo della Nota Prot. 912/2014/P del 15 gennaio 2014, disponibile anche sul sito dell’Agenzia delle Entrate), rivolta ai Comuni, di verificare i disallineamenti riscontrati tra i dati toponomastici di origine comunale e utilizzati in occasione del Censimento, provvedendo – laddove necessario – a correggere, integrare e validare i dati forniti sul “Portale per i Comuni”, aggiornandoli alla situazione attuale.

Per ulteriori informazioni, rimandiamo alle istruzioni fornite sul sito dell’Agenzia delle Entrate e alla Nota Istat, disponibili anche sul sito ww.entilocaliweb.it.


Tags assigned to this article:
Agenzia entratearchiviostradari

Related Articles

Pareggio di bilancio: nessuna deroga neanche in caso di spese impreviste intervenute in corso di esercizio

Nella Delibera n. 163 del 7 giugno 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere relativo

Aree comprese nei Peep: determinazione del corrispettivo per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà

Nella Delibera n. 61 del 23 febbraio 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene richiesto un parere sulla corretta interpretazione

Ici: efficacia del giudicato

Nella Sentenza n. 21811 del 29 agosto 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il giudicato

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.