Aree degradate e “permesso di costruire”

Aree degradate e “permesso di costruire”

Nella Sentenza n. 1028 del 18 settembre 2018 del Tar Piemonte, la questione controversa in esame riguarda i presupposti per il rilascio di un “permesso di costruire” in deroga, nel caso di aree degradate.

I Giudici piemontesi chiariscono che il permesso in deroga di cui all’art. 5, commi 9 e seguenti, del Dl. n. 70/2011, è ammesso solo laddove gli “edifici a destinazione non residenziale dismessi o in via di dismissione ovvero da rilocalizzare” si collochino in “aree urbane degradate”. La valutazione in ordine alla natura “degradata” dell’area è connotata da ampia discrezionalità tecnica sindacabile solo in presenza di profili di macroscopica illogicità, irragionevolezza o di travisamento del fatto.

Inoltre, i Giudici precisano che nel rilascio del permesso in deroga previsto dall’art. 5 del Dl. n. 70/2011, la natura privata e speculativa dell’intervento edilizio non è di per sé ostativa all’individuazione di un interesse pubblico, purché l’intervento realizzi, nel contempo, l’interesse pubblico alla razionalizzazione e riqualificazione delle aree urbane degradate e si tratti di destinazioni d’uso tra loro compatibili e complementari. Infine, i Giudici pongono in evidenza che l’art. 5, comma 9, del Dl. n. 70/2011, si limita a rendere autorizzabile un permesso in deroga agli strumenti urbanistici, ma non obbliga l’Amministrazione a concederlo. In quanto istituto derogatorio del principio per cui lo strumento urbanistico va rispettato finché è in vigore, l’Amministrazione è titolare di poteri ampiamente discrezionali di carattere latamente politico implicanti valutazioni di merito che potrebbero persino prescindere da particolari motivazioni di carattere tecnico sindacabili entro i limiti della macroscopica illogicità, irragionevolezza o di travisamento del fatto.


Related Articles

Accertamento catastale: l’atto impositivo deve essere sempre motivato

Nella Sentenza n. 762/67/2016 dell’8 febbraio 2016 della Ctr Lombardia, i Giudici statuiscono che l’accertamento catastale deve sempre riportare quel

“Codice della Strada”: la multa è nulla se l’autovelox è posto al contrario rispetto al Decreto prefettizio

Nell’Ordinanza n. 12309 del 9 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità osservano che l’art. 4 del

Commissione giudicatrice: può farne parte colui che sarà nominato Direttore dell’esecuzione

Nella Sentenza n. 819 del 4 febbraio 2019 del Consiglio di stato, i Giudici affermano che può essere nominato componente

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.