Arriva la proroga ex post per la “Dichiarazione Iva 2017”: considerati tempestivi gli invii fatti entro il 3 marzo 1017

Arriva la proroga ex post per la “Dichiarazione Iva 2017”: considerati tempestivi gli invii fatti entro il 3 marzo 1017

Con un Comunicato-stampa diramato il 1° marzo 2017, quindi un giorno dopo il termine ultimo per l’invio telematico della “Dichiarazione Iva 2017”, riferita all’anno 2016, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato una proroga di 3 giorni.

Il Provvedimento è stato disposto in ragione dei “temporanei rallentamenti nella rete di trasmissione delle Dichiarazioni”, registrati nella giornata del 28 febbraio 2017.

Per questa ragione l’Amministrazione finanziaria ha annunciato che saranno considerate tempestive le Dichiarazioni inviate entro il 3 marzo 2017.

Ricordiamo che il termine del 28 febbraio 2017 è stato fissato dall’art. 4 del Dl. n. 193/16, convertito dalla Legge n. 22/16 e – oltre alla citata“Dichiarazione Iva 2017”, riferita all’anno 2016 – riguarda anche l’eventuale reinvio telematico della Dichiarazione Iva 2017 “correttiva nei termini”, riferita all’anno 2016. Si evidenzia infine che è possibile reinviare a titolo di “integrativa a favore” anche le Dichiarazioni relative al 2015 e agli anni antecedenti, ai sensi e con le tempistiche introdotte dall’art. 5 del citato Dl. n. 193/16 (ad es. nella Dichiarazione “Iva 2017” dovranno essere richiamate nel Quadro “VN” le Dichiarazioni “integrative a favore” eventualmente nel frattempo reinviate, riferite agli anni 2011 e successivi).


Related Articles

Concorsi pubblici: obbligo di comunicazione del risultato della valutazione dei titoli prima dell’effettuazione della prova orale

Nella Sentenza n. 350 del 2 marzo 2017 del Tar Calabria, il ricorrente ha partecipato ad una procedura selettiva, per

Ici: il vincolo idrogeologico influisce sul concetto di edificabilità

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 5198 del 6 marzo 2018 Nel presente lavoro analizzeremo quanto statuito dall’Ordinanza della Corte di

Impianti sportivi: focus sulle nuove regole per la loro costruzione

Commercio su aree pubbliche e urbanistica con le sue implicazioni sulla progettazione, sono il “leit motiv” del Dl. 24 aprile