“Art-bonus”: l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti su diverse casistiche concrete, parte delle quali ammissibili al credito d’imposta

“Art-bonus”: l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti su diverse casistiche concrete, parte delle quali ammissibili al credito d’imposta

L’Agenzia delle Entrate, con le Risposte agli Interpelli nn. 149, 150, 154, 155 e 156 del 28 dicembre 2018, ha fornito chiarimenti in ordine al c.d. “Art-bonus”, ossia il credito d’imposta previsto dall’art. 1 del Dl. n. 83/2014, convertito con modificazioni dalla Legge n. 106/1204, pari al 65% delle erogazioni effettuate in denaro da persone fisiche, enti non commerciali e soggetti titolari di reddito d’impresa, per “interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici, per il sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica, delle Fondazioni lirico-sinfoniche e dei Teatri di tradizione,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Dichiarazione “770/2017”: approvato il Modello e le relative Istruzioni ministeriali, con accorpati i Quadri di “Semplificato” e “Ordinario”

Con Provvedimento 16 gennaio 2017, Prot. n. 10047/2017, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il Modello “770/2017” con le relative Istruzioni

Appalti: divieto di commistione tra criteri soggettivi di qualificazione e criteri oggettivi di valutazione dell’offerta

Nella Sentenza n. 40 del 15 gennaio 2018 del Tar Veneto, la questione controversa riguarda la legittimità degli atti di

“Fondo di garanzia dei debiti commerciali”: come determinarlo?

Per chiara: risp aperta Il testo del quesito: “Per quanto riguarda i criteri di accantonamento al ‘Fondo di garanzia dei

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.