Assegni familiari e di maternità: comunicati dall’Inps i nuovi importi e limiti di reddito da applicare nel 2014

L’Inps, con la Circolare n. 29 del 27 febbraio 2014, ha reso nota la rivalutazione per l’anno 2014 della misura degli assegni e dei requisiti economici per gli assegni familiari e quelli di maternità concessi dai Comuni.

Posto che la variazione dell’indice Istat dei prezzi al consumo tra l’anno 2013 e l’anno 2014 è stata pari all’1,1%, è stato determinato quanto segue:

1. Assegni familiari

L’assegno per il nucleo familiare, da corrispondere agli aventi diritto, per l’anno 2014 è pari, nella misura intera, a 141,02 Euro. Possono far domanda le famiglie composte da 5 componenti, di cui almeno 3 figli minori, il cui Indicatore della situazione economica non superi la soglia di Euro 25.384,91. “Per l’assegno per il nucleo familiare da erogare per il 2013, per i procedimenti in corso – si legge – continuano ad applicarsi i valori previsti per il medesimo anno 2013”.

2. Assegni di maternità

Il nuovo importo dell’assegno mensile di maternità, spettante nella misura intera, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2014, è pari a 338,21 Euro per 5 mensilità, e quindi, complessivamente, a 1.691,05 Euro. Il valore dell’Indicatore della situazione economica, con riferimento ai nuclei familiari composti da 3 componenti, da tenere presente in questo caso, è pari a Euro 35.256,84. “Le operazioni di riparametrazione dell’I.s.e. dei nuclei familiari con diversa composizione e il calcolo della misura delle prestazioni da erogare – si apprende infine – sono effettuati secondo le procedure di cui all’Allegato A al Decreto del Ministro per la Solidarietà sociale 21 dicembre 2000, n. 452 come modificato dal Decreto del Ministro per la Solidarietà sociale 25 maggio 2001, n. 337”.


Tags assigned to this article:
assegni familiariInps

Related Articles

Debito pubblico 2015: si allunga la vita media e cala la spesa per interessi

La vita media del debito è aumentata da 6,38 anni del 2014 a 6,52 anni a fine 2015 e il

Catasto: determinazione della rendita catastale degli opifici

L’Agenzia delle Entrate ha contestato ad una Società la mancata inclusione di alcuni impianti nel computo della rendita catastale, dal

Personale P.A.: Anci torna a chiedere all’Esecutivo lo sblocco del turnover

“Al Governo chiediamo lo sblocco del turnover sul personale perché in questi anni i Comuni hanno fatto tanti sacrifici anche

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.