Assunzioni: scorrimento di graduatorie 2019 solo per la copertura dei posti messi a concorso

Assunzioni: scorrimento di graduatorie 2019 solo per la copertura dei posti messi a concorso

Nella Delibera n. 36 del 3 luglio 2019 della Corte dei conti Sardegna, un Sindaco ha chiesto un parere riguardante l’interpretazione delle norme introdotte dalla Legge n. 145/2018 (“Legge di bilancio 2019”) in materia di graduatorie, al fine di avere chiarimenti in merito alla perdurante possibilità di attingere alla graduatoria di altro Ente per l’assunzione di personale. La Sezione rileva che l’art. 1, comma 361, della Legge n. 145/2018, nel prevedere che le graduatorie dei concorsi sono utilizzate “esclusivamente” per la copertura dei posti messi a concorso, impedisce l’utilizzo della medesima graduatoria per la copertura di qualsiasi altro posto diverso da quelli messi a concorso, sia esso della medesima o di altra Amministrazione. Lo scorrimento della graduatoria viene quindi limitato, a partire dal 2019, alla sola possibilità di attingere ai candidati “idonei” per la copertura di posti che, pur essendo stati messi a concorso, non siano stati coperti o siano successivamente divenuti scoperti nel periodo di permanente efficacia della graduatoria medesima. La regola introdotta dal menzionato art. 1, comma 361 della Legge n. 145/2018, determina pertanto una inversione di tendenza nella utilizzabilità delle graduatorie di concorso, non consentendo più lo scorrimento da parte di altre Amministrazioni, né da parte della medesima Amministrazione che intendesse utilizzare una propria graduatoria, ancora efficace, per la copertura di un posto diverso da quelli messi a concorso.


Related Articles

Cassazione: sì alla riproposizione in appello dei motivi di I grado

Nella Sentenza n. 3451 del 14 febbraio 2014, della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno affermato che la

Revisori Enti Locali: sull’Elenco 2019 interviene il sesto Decreto di modifica

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale della Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, il Dm. 28 maggio 2019,

Ingiunzione fiscale: non è un atto della riscossione

Nella Sentenza n. 18491 del 21 settembre 2016, la Corte di Cassazione statuisce che l’ingiunzione fiscale, anche dopo l’entrata in

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.