Bando periferie: a Palazzo Chigi Sindaci e Premier sottoscrivono le Convenzioni per l’avvio dei progetti

Bando periferie: a Palazzo Chigi Sindaci e Premier sottoscrivono le Convenzioni per l’avvio dei progetti

Con un Comunicato pubblicato il 6 marzo 2017 sul sito del Governo, è stato reso noto che lunedì 6 marzo 2017 sono state sottoscritte, alla presenza del Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e dei Sindaci coinvolti, le Convenzioni per la realizzazione dei Progetti di riqualificazione delle periferie delle Città metropolitane di Bari, Firenze, Milano, Bologna e dei Comuni capoluogo di Provincia o di Città metropolitana di Avellino, Lecce, Vicenza, Bergamo, Modena, Torino, Grosseto, Mantova, Brescia, Andria, Latina, Genova, Oristano, Napoli, Ascoli Piceno, Salerno, Messina, Prato, Roma.

Questi Enti avranno la possibilità di accedere al primo stanziamento, complessivamente pari a 500 milioni di Euro.

Nelle prossime settimane saranno rese disponibili le ulteriori risorse, già previste dalla “Legge di bilancio 2017”, che ammontano in totale a 1,6 miliardi di Euro e potranno essere così finanziati, secondo l’impegno del precedente e dell’attuale Governo, anche tutti gli altri (96) Progetti presentati, per un totale, quindi di 120 progetti finanziati e un importo complessivo di 2,1 miliardi di Euro di finanziamento statale.


Related Articles

Trasferimenti erariali: assegnati i contributi per la messa in sicurezza di scuole e strade dei Comuni con massimo 20.000 abitanti

È arrivata il 10 gennaio 2019 la firma al Decreto previsto al comma 107 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre

Trasferimenti erariali: pubblicate modalità e termini per il riparto dei contributi alle fusioni di Comuni e disposto il pagamento in acconto

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 11 giugno 2014, pubblicato sul proprio sito internet,

Sicurezza edifici scolastici: “Fondo” da 385 milioni di Euro per la rimozione dell’amianto da Scuole e Ospedali

Con il “Piano di bonifica da amianto” previsto nel II Addendum del “Piano operativo Ambiente” approvato dal Cipe nel 2016