Bilancio di previsione 2021 e rendiconto 2020: scatta il rinvio dei termini al 31 maggio 2021

Bilancio di previsione 2021 e rendiconto 2020: scatta il rinvio dei termini al 31 maggio 2021

Proroga al 31 maggio 2021 dei termini per l’approvazione del bilancio di previsione 2021 e del rendiconto di gestione 2020, la cui scadenza è attualmente fissata al 30 aprile 2021.

Questa una delle principali novità contenute nel Dl. rubricato “Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi”, approvato dal Consiglio dei Ministri il 29 aprile 2021.

Con riferimento ai termini di approvazione delle Delibere regolamentari e tariffarie dei Tributi locali, come ricordato in una Nota diramata da Ifel il 29 aprile 2021, questi sono automaticamente rinviati al 31 maggio 2021, eccezion fatta per i Regolamenti e le tariffe della Tari e della Tariffa corrispettiva che, solo per l’anno in corso, possono essere deliberate dai Comuni entro il 30 giugno, come già previsto dall’art. 30, comma 5, del Dl. n. 41/2021 (c.d. “Decreto Sostegni”).

Si segnala inoltre quanto stabilito in merito al lavoro da remoto: fino alla definizione dei Contratti collettivi del “Pubblico Impiego”, e comunque non oltre il 31 dicembre 2021, le Amministrazioni pubbliche potranno continuare a fare ricorso al “lavoro agile” secondo le modalità semplificate stabilite dall’art. 263 del Dl. n. 34/2020 (il cosiddetto “Decreto Rilancio”), senza però essere vincolate al rispetto della percentuale minima del 50% del personale e a condizione che l’erogazione dei servizi rivolti a cittadini e imprese avvenga con regolarità, continuità ed efficienza e nel rigoroso rispetto dei tempi previsti dalla normativa vigente.

Il Decreto, che sarà oggetto nei prossimi giorni di specifico commento, prevede una serie di altre disposizioni di interesse per gli Enti Locali, come la proroga al 30 settembre 2021 della validità delle carte d’identità scadute dal 31 gennaio 2020 e la proroga di un anno per l’attuazione dei “Piani per le Città”, la cui scadenza è pertanto fissata al 31 dicembre 2022.


Related Articles

Appalti ad intensità di manodopera: nell’attesa di chiarimenti si avvicina la prima verifica, con gli operatori che brancolano ancora nel buio

Come noto, l’art. 4 della Dl. 26 ottobre 2019, n. 124 (c.d. “Decreto fiscale”) a seguito delle modifiche apportate dalla

Bilancio Ue e “Recovery fund”: cifre, criteri e brevi considerazioni

Premessa Senza entrare tanto nella cronaca spicciola, conosciuta un po’ da tutti dopo il costante e martellante aggiornamento mediatico ad

Imu: esenzione per gli imprenditori agricoli professionali titolari di pensione

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef la Risoluzione n. 1/DF del 28 febbraio 2018, avente ad oggetto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.