Bolt incorona Jacobs: “Straordinario, sprinter di classe. L’erede è lui”

Bolt incorona Jacobs: “Straordinario, sprinter di classe. L’erede è lui”

Marcell Jacobs “è un vero combattente, mentalmente solidissimo. Oggi l’erede è lui”. Usain Bolt dalle pagine del Corriere della Sera incorona l’azzuro vincitore dei 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo. “Un risultato straordinario per lui: i 100 metri sono la gara più prestigiosa di tutta l’Olimpiade, dare il meglio di sé nella corsa più importante della stagione è certamente un segno di classe”. “Congratulazioni a lui e all’Italia, che si è presa pure l’oro della staffetta, wow!”, afferma l’ex velocista giamaicano, leggenda della corsa e detentore del record mondiale dei 100 metri piani, 200 metri piani e staffetta 4×100. 

Per Bolt la finale dei 100 metri a Tokyo è stata “una gara apertissima, nella quale non sarei stato in grado di scegliere un vero favorito. Uno sprint di qualità: alla fine tutti e tre i medagliati sul podio hanno fatto il loro personale stagionale”. Il velocista ammette non aver mai sentito nominare Marcell Jacobs, ma “vedo che è fisicamente forte e l’aver saputo migliorare il suo personale in batteria, semifinale e finale indica che è un vero combattente, mentalmente solidissimo”. 

Quindi un consiglio: “Goditi il momento, festeggia il giusto, continua a lavorare come stai facendo”. E sull’ipotesi di allenarsi all’estero sottolinea: “Non si cambia mai una formula vincente. A me non è mai importato nulla della provenienza dei miei avversari. La cosa meravigliosa dell’atletica è che chiunque, sul pianeta, se ha talento può correre veloce. Jacobs l’ha fatto, oggi l’erede è lui”. 


Related Articles

Al via ‘The Source’, concorso letterario per racconti di climate fiction italiani

Alla ricerca dei Cormac McCarthy d’Italia. Al via The Source, il concorso letterario che sceglierà i migliori racconti di genere

Paul Stanley positivo al covid, Kiss annullano concerto

I Kiss hanno annullato un concerto negli Stati Uniti con un breve preavviso dopo che il cantante e frontman Paul

No green pass, nuova manifestazione a Roma

Magliette con scritto ‘no alla dittatura’ e poi cartelli dove si spazia dal ‘non sono una cavia’ a ‘No ai

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.