Canone concessorio stradale: alle occupazioni del sottosuolo non è applicabile

Canone concessorio stradale: alle occupazioni del sottosuolo non è applicabile

Nella Sentenza n. 226 del 6 aprile 2017 del Tar Lazio, una Società gestisce in regime di concessione il “Servizio di distribuzione del gas” in un Comune e con ricorso essa impugna la Delibera con cui il Comune ha istituito il Canone di concessione patrimoniale non ricognitorio per le occupazioni di suolo pubblico comunale (tra l’altro) a mezzo di condutture e altri manufatti della rete del gas. Nello specifico, i Giudici laziali chiariscono che il Canone non ricognitorio previsto dall’art. 27 del Dlgs. n. 285/92, oltre ad essere dovuto per le sole occupazioni della sede stradale (quindi non anche del sottosuolo), costituisce sostanzialmente il corrispettivo che viene posto a carico dell’occupante in correlazione alla sottrazione del suolo stradale all’uso pubblico. Dunque,secondo i Giudici, non è legittima la previsione della indifferenziata sottoposizione al prelievo di ogni occupazione, sia di suolo che di soprassuolo, eseguita dal Concessionario di pubblico servizio. A ciò si aggiunge il rilievo secondo cui l’occupazione di suolo o soprassuolo da parte di gestori di servizi pubblici per installare e mantenere la propria infrastruttura di rete è tendenzialmente gratuita. Dunque, in conclusione, il Canone concessorio stradale non si applica alle occupazioni del sottosuolo.


Related Articles

Trattamento accessorio nei Comuni di ridotte dimensioni: si applica comunque l’art. 9, comma 2-bis, del Dl. n. 78/10

Nella Delibera n. 103 del 30 ottobre 2014 della Corte dei conti Basilicata viene chiesto se le risorse da assoggettare

Consultazione dati relativi ad immobili: al via la “Visura catastale telematica”

Con un Avviso pubblicato i giorni scorsi sul proprio sito, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto l’avvenuto lancio del nuovo

Tari: aggiornato il “Metodo tariffario rifiuti” per l’approvazione dei Pef 2021

E’ stata pubblicata sul sito web istituzionale di Arera la Deliberazione 24 novembre 2020, n. 494/2020/R/Rif, rubricata “Aggiornamento del Metodo