Caro energia, fonti governo: “Prematuri interventi immediati”

Caro energia, fonti governo: “Prematuri interventi immediati”

(Adnkronos) – Il governo monitora l’emergenza rincari, soprattutto sul fronte gas, e lavora pancia a terra. La linea telefonica tra il premier Mario Draghi, il sottosegretario Roberto Garofoli e i ministri Daniele Franco e Roberto Cingolani – i due più impegnati sul provvedimento atteso a settembre – è bollente. Ma fonti di governo spiegano all’Adnkronos che “i tempi sono prematuri per un intervento già settimana prossima” come chiesto a gran voce da più forze politiche, in pressing anche per via della campagna elettorale.  

“Sicuramente, probabilmente nella giornata di martedì, si terrà una riunione per fare il punto, ma è arduo pensare a un intervento già nei prossimi giorni, non ci sono i tempi tecnici ‘per far di conto'”, dice la stessa fonte, spiegando che bisogna attendere il gettito fiscale di agosto, capire a quanto ammonta l’extra per rifinanziare le misure di sostegno in scadenza (come il taglio delle accise sui carburanti), e intanto continuare a cercare risorse aggiuntive, anche tra le pieghe di bilancio. Sono tante le ipotesi sul campo per fermare la corsa dei prezzi che assilla famiglie e imprese, ma “ciascuna ha un costo e va valutata trovando le coperture”, perché sullo scostamento di bilancio la linea a Palazzo Chigi è ferma e non si sposterà di un millimetro: “Non si farà”.  

Oltre a rifinanziare le misure in scadenza con l’extragettito di agosto, l’intervento che per ora viene dato per scontato – sul fronte imprese – è quello di intervenire ancora una volta, nel modo più incisivo possibile, sul credito d’imposta, e assicurare alle aziende ‘energivore’ e ‘gasivore’ due pacchetti di energia calmierati, di produzione nazionale, che allevino i costi agevolando le produzioni. 


Related Articles

Variante Omicron, da Italia a Francia: regole viaggi Europa

La variante Omicron spaventa e crescono i paesi europei che impongono regole più rigide d’ingresso, così come hanno già scelto

Nissan, in primo trim. 2021-22 utile per 114 mld yen

Sono “risultati fortemente positivi” quelli messi a segno da Nissan nel primo trimestre dell’anno fiscale 2021-22 (che si è chiuso

Ucraina, Dugin contro Putin dopo ritiro da Kherson

(Adnkronos) – Il filosofo Alexander Dugin, considerato l’ideologo della Russia putiniana, avrebbe evocato la destituzione del presidente Vladimir Putin dopo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.