Cassa DD. e PP.: avviata operazione di ri-destinazione dei residui sui mutui degli Enti Locali

Lo scorso 4 aprile 2014, con proprio Comunicato-stampa n. 15/14, la Cassa Depositi e Prestiti ha reso noto di aver effettuato oltre 6.000 comunicazioni, delle quali buona parte indirizzate agli Enti Locali, connesse a mutui richiesti alla Cassa Depositi e Prestiti e mai utilizzati, in relazione ai quali gli Enti si trovano nei propri bilanci residui inutilizzati per complessivi 2 miliardi di Euro.

Sono coinvolti oltre 6.300 Enti Locali, per complessive 49.000 posizioni di finanziamento, per i quali la Cassa DD. e PP. ha dato avvio ad una “campagna massiva di comunicazione verso gli Enti perché possano riutilizzare queste risorse per finanziare nuovi investimenti, o ridurre posizioni debitorie”.

Secondo il Comunicato in oggetto, l’ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse disponibili da parte degli Enti Locali potrà avvenire secondo 2 modalità:

  • per i residui connessi ad economie rilevate nel corso dei lavori o a completamento della relativa opera, sarà possibile richiedere una diversa destinazione dei residui, ovvero la riduzione del finanziamento fino all’importo effettivamente necessario. Sarebbero riconducibili a tale fattispecie residui per circa 1,8 miliardi di Euro su mutui concessi fino al 31 dicembre 2012, per i quali non risultano alla Cassa DD. e PP. richieste di erogazione o di diverso utilizzo successive al 1° gennaio 2013. Geograficamente, tali residui sono così di seguito distribuiti:

–       50% Enti Locali meridionali;

–       21% Enti Locali del centro Italia;

–       29% Enti Locali del nord Italia;

  • per i residui di importo inferiore a Euro 5.000, ovvero per i residui di importo inferiore al 5% del complessivo finanziamento, per i quali l’opera risulti completata, l’Ente potrà richiedere la ri-destinazione delle somme ad altre finalità consentite dalla legge. Sarebbero riconducibili a tale fattispecie residui per circa 130 milioni di Euro.

La distribuzione geografica dei residui in parola risulta essere la seguente:

–       42% Enti Locali meridionali;

–       23% Enti Locali del centro Italia;

–       35% Enti Locali del nord Italia.

Le attivazioni delle richieste dovranno essere effettuate attraverso il portale “Enti Locali e PA” del sito internet Cassa DD. e PP.


Tags assigned to this article:
mutui

Related Articles

Bilancio di previsione 2018: ulteriori indicazioni della Ragioneria generale dello Stato per Enti e Organismi pubblici

La Ragioneria generale dello Stato, con la Circolare n. 14 del 23 marzo 2018, ha fornito ulteriori indicazioni rispetto alla

“Legge di stabilità 2016”: Anci, “Per la prima volta dal 2007 non si basa sui tagli ai Comuni”

E’ un giudizio prevalentemente positivo quello espresso dal Presidente dell’Anci, Piero Fassino, sulla “Legge di stabilità 2016”, attualmente al vaglio

Compensazione minor gettito Imu/Tasi: attribuiti i contributi agli Enti colpiti dal Sisma ischitano e al Comune di Genova  

Sisma Ischia Con il Decreto 21 dicembre 2018, pubblicato sulla G.U. n. 5 del 7 gennaio 2019, emanato dal Ministero

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.