Catasto: estensione al Modello “F24EP” dei codici-tributo per pagamenti legati a inosservanza della normativa di settore

Catasto: estensione al Modello “F24EP” dei codici-tributo per pagamenti legati a inosservanza della normativa di settore

 

Con la Risoluzione n. 66/E del 21 luglio 2015, l’Agenzia delle Entrate estende alla modalità di versamento “F24 Enti pubblici” (“F24EP”) i codici-tributo da utilizzare per il pagamento delle somme dovute successivamente all’attribuzione d’ufficio della rendita presunta e delle somme accertate dall’Agenzia delle Entrate a seguito dell’inosservanza della normativa catastale.

Tali codici, istituiti con Risoluzioni n. 19/E del 27 febbraio 2012 e n. 50 del 13 maggio 2015, e già in uso per i versamenti con Modello “F24”, sono i seguenti:

 “T001” denominato “Tributi speciali catastali – rendita presunta”;
 “T002” denominato “Sanzione per mancato adempimento catastale – rendita presunta”;
 “T003” denominato “Interessi – rendita presunta”;
 “T004” denominato “Oneri accessori connessi alla determinazione della rendita presunta”;
 “T009” denominato “Tributi speciali catastali – accertamento catastale”;
 “T010” denominato “Sanzioni per mancati adempimenti catastali – accertamento catastale”;
 “T011” denominato “Interessi sui tributi speciali catastali – accertamento catastale”;
 “T012” denominato “Imposta di bollo – accertamento catastale”;
 “T013” denominato “Recupero spese per volture – accertamento catastale”;
 “T014” denominato “Oneri accessori per operazioni catastali – accertamento catastale”;
 “T015” denominato “Altre spese per operazioni catastali – accertamento catastale”.

La Risoluzione precisa inoltre che anche il codice-tributo “806T” è esteso alla modalità “F24EP” e deve essere utilizzato per il versamento delle spese di notifica degli atti emessi dagli Uffici a seguito dell’inosservanza della normativa fiscale.

Nel campo “Sezione” del Modello “F24EP” deve essere specificato che il destinatario delle somme è l’Erario (Valore F), mentre nei campi “codice atto” e il “campo di riferimento B” devono essere inseriti rispettivamente il codice atto e l’anno cui si riferisce il versamento riportati nell’atto emesso dall’Ufficio.


Related Articles

“Certificazione unica 2015”: le indicazioni contenute nel nuovo Modello reso noto dall’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito internet il Provvedimento direttoriale 15 gennaio 2015, n. 4790, di approvazione del

Tarsu: nessuna motivazione specifica per la Delibera comunale che applica una tariffa più onerosa alla Struttura alberghiera

Nella Sentenza 12783 del 26 giugno 2020 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda una Delibera comunale che ha

“Responsabile Anticorruzione”: le funzioni possono essere attribuite al comandante della Polizia locale

L’Anac, con Delibera n. 333 del 20 giugno 2019, ha formulato un Orientamento in ordine alla possibilità di attribuire le