Catasto: estensione al Modello “F24EP” dei codici-tributo per pagamenti legati a inosservanza della normativa di settore

Catasto: estensione al Modello “F24EP” dei codici-tributo per pagamenti legati a inosservanza della normativa di settore

 

Con la Risoluzione n. 66/E del 21 luglio 2015, l’Agenzia delle Entrate estende alla modalità di versamento “F24 Enti pubblici” (“F24EP”) i codici-tributo da utilizzare per il pagamento delle somme dovute successivamente all’attribuzione d’ufficio della rendita presunta e delle somme accertate dall’Agenzia delle Entrate a seguito dell’inosservanza della normativa catastale.

Tali codici, istituiti con Risoluzioni n. 19/E del 27 febbraio 2012 e n. 50 del 13 maggio 2015, e già in uso per i versamenti con Modello “F24”, sono i seguenti:

 “T001” denominato “Tributi speciali catastali – rendita presunta”;
 “T002” denominato “Sanzione per mancato adempimento catastale – rendita presunta”;
 “T003” denominato “Interessi – rendita presunta”;
 “T004” denominato “Oneri accessori connessi alla determinazione della rendita presunta”;
 “T009” denominato “Tributi speciali catastali – accertamento catastale”;
 “T010” denominato “Sanzioni per mancati adempimenti catastali – accertamento catastale”;
 “T011” denominato “Interessi sui tributi speciali catastali – accertamento catastale”;
 “T012” denominato “Imposta di bollo – accertamento catastale”;
 “T013” denominato “Recupero spese per volture – accertamento catastale”;
 “T014” denominato “Oneri accessori per operazioni catastali – accertamento catastale”;
 “T015” denominato “Altre spese per operazioni catastali – accertamento catastale”.

La Risoluzione precisa inoltre che anche il codice-tributo “806T” è esteso alla modalità “F24EP” e deve essere utilizzato per il versamento delle spese di notifica degli atti emessi dagli Uffici a seguito dell’inosservanza della normativa fiscale.

Nel campo “Sezione” del Modello “F24EP” deve essere specificato che il destinatario delle somme è l’Erario (Valore F), mentre nei campi “codice atto” e il “campo di riferimento B” devono essere inseriti rispettivamente il codice atto e l’anno cui si riferisce il versamento riportati nell’atto emesso dall’Ufficio.


Related Articles

“Servizi demografici”: varato il Regolamento per l’avvio dell’“Anagrafe nazionale della Popolazione residente”

Con Dpcm. n. 194 del 10 novembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 5 dell’8 gennaio 2015, è stato adottato il

Riduzione dell’1% delle entrate correnti: illegittima la sanzione se applicata ad un Comune che non è strutturalmente deficitario

Nella Sentenza n. 2256 del 30 maggio 2016 del Consiglio di Stato, ad un Comune, nonostante i conti in ordine,

Permessi brevi: nessuna deroga al limite annuo previsto dal Ccnl.

L’Aran, con Orientamento applicativo Ral_1963 del 20 marzo 2018, ha recentemente risposto ad un quesito fornendo chiarimenti in merito alla