Cauzione provvisoria: le irregolarità rilevate dopo la stipula del contratto non annullano la gara

Cauzione provvisoria: le irregolarità rilevate dopo la stipula del contratto non annullano la gara

Nella Sentenza n. 2258 del 18 novembre 2016 del Tar Calabria, una stazione appaltante iniziava una procedura negoziata, da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, per l’affidamento dei servizi assicurativi suddivisi in 5 lotti. Alla gara partecipavano 2 operatori economici e uno di questi vietava l’assegnazione di alcuni lotti per carenza, nell’affidatario, della cauzione provvisoria che risultava presentata ma intestata a un soggetto differente. Per tale carenza richiedeva l’annullamento dell’affidamento (e del contratto stipulato) e l’assegnazione dei relativi lotti. I Giudici rilevano che la garanzia provvisoria svolge la funzione di garantire l’affidabilità e la serietà dell’offerta e costituisce

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti erariali: modificate le modalità di concessione ai Comuni dei contributi per la gestione degli Uffici giudiziari

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 85 dell’11 aprile 2014 il Dpr. 21 febbraio 2014, n. 62, titolato “Regolamento recante

Durc irregolare di Impresa ausiliaria: calcolo del danno derivante da perdita di “chance” favorevole per l’aggiudicazione di una gara

Nella Sentenza n. 2527 del 26 aprile 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sul Durc dell’ausiliaria irregolare

Appalti: criteri per distinguere un appalto di servizi da un incarico professionale

L’individuazione del discrimine fra incarico professionale, regolamentato ai sensi del Dlgs. n. 165/01 e quindi secondo le norme di pubblico