Certificazione Unica: diffusa la bozza del Modello 2015

Certificazione Unica: diffusa la bozza del Modello 2015

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso sul proprio sito web la bozza del nuovo modello di Certificazione Unica 2015 che dal prossimo anno dovrà essere utilizzato dai sostituti d’imposta per attestare sia i redditi di lavoro dipendente e assimilati, finora riportati nel Cud, sia altri redditi, ad oggi certificati in forma libera.

Nel corso di una recente Audizione parlamentare sul tema “L’Anagrafe tributaria nella prospettiva di una razionalizzazione delle banche dati pubbliche in materia economica e finanziaria. Potenzialità e criticità del Sistema di contrasto all’evasione fiscale”, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi,era intervenuta anche su questo tema, precisando che quest’anno – con cospicuo anticipo rispetto alla normale tabella di marcia –  “entro il mese di novembre saranno definiti il modello 730/2015 e il nuovo modello di Certificazione Unica 2015, con le relative istruzioni e specifiche tecniche”.

A questo proposito, il Direttore Orlandi ha anche sottolineato che “eventuali interventi normativi ‘di fine anno’, con effetti sull’anno 2014 e con impatti sul contenuto di tali modelli dichiarativi, rischiano di compromettere il buon esito dell’intero progetto precompilata”.


Tags assigned to this article:
Agenzia entratecertificazione unica

Related Articles

Iva: per il 2021-2022 chi è soggetto a “split payment” non è interessato alla predisposizione in via autonoma di Registri, Lipe e Dichiarazione

Con il Provvedimento 8 luglio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito le modalità di predisposizione dei documenti Iva precompilati e

Evasione fiscale internazionale: il quadro degli accordi siglati dal Mef per combatterla

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha diramato il 4 aprile 2015 sul proprio sito un Comunicato relativo all’evasione fiscale

Entrate tributarie: nel 2016 gettito in crescita del 3,3%

Con Comunicato-stampa n. 31 del 6 marzo 2017, il Mef ha reso noto che nel 2016 lo Stato italiano ha