Chiusura uffici postali: al via i tavoli regionali per il confronto con gli Amministratori locali

A seguito delle richieste avanzate dall’Anci e dalle Regioni, Poste italiane ha acconsentito il 19 febbraio scorso a istituire dei tavoli di confronto preventivo in ciascuna Regione per ascoltare le esigenze del territorio e condividere con gli Amministratori locali le misure da porre in essere in merito al piano di razionalizzazione che implica la chiusura di una serie di uffici postali.

Lo si apprende da un Comunicato Anci del 24 febbraio 2015 che spiega che l’obiettivo condiviso sarà quello di garantire l’efficienza del sistema senza però penalizzare la fornitura del servizio universale, e delle prestazioni da fornire permanentemente sul territorio, incluse le realtà periferiche. Anci, Poste italiane e Regioni hanno evidenziato “la necessità di fornire una migliore, concordata e più dettagliata informazione sulla materia, in modo da evitare l’insorgere di preoccupazioni sul territorio derivanti proprio dalla carenza di adeguata informazione sulle misure da adottarsi”.


Related Articles

Ambiente: Realacci, “nella scommessa ambientale una chiave per combattere la crisi”

All’intervento del Sindaco di Cagliari Massimo Zedda ha fatto da “contraltare” – durante l’incontro “I Sindaci d’Italia nell’aula di Montecitorio.

Corresponsione dei diritti di rogito al Segretario comunale

Nella Delibera n. 11 del 15 marzo 2018 della Corte dei conti Toscana, un Sindaco ha chiesto un parere in

Finanza locale: Anci, “Da Decreto Enti Locali soluzione su temi ancora aperti dopo ‘Legge di stabilità’”

L’Anci torna a sollecitare il Governo a muovere su alcuni dei nodi lasciati – secondo il parere dell’Associazione – irrisolti