Cig: le nuove regole non si applicano a quelli di importo inferiore a 40.000 Euro acquisiti prima del 30 aprile 2011

Cig: le nuove regole non si applicano a quelli di importo inferiore a 40.000 Euro acquisiti prima del 30 aprile 2011

Per i Cig acquisiti entro il 30 aprile 2011, di importo inferiore a Euro 40.000, non si applicano le disposizioni introdotte dalla Delibera Anac n. 1/2017.

A renderlo noto – con il Comunicato del Presidente 12 aprile 2017, pubblicato il 28 aprile 2017 sul proprio Sito istituzionale – è la stessa Autorità nazionale anticorruzione.

A seguito delle richieste di chiarimento pervenute dopo la pubblicazione in G.U. n. 26 del 1° febbraio 2017 della Delibera Anac n. 1 dell’11 gennaio 2017, il Consiglio dell’Autorità ha infatti sancito l’esclusione dall’ambito di applicazione delineato nel Pronunciamento dei Cig citati, definiti “non soggetti agli obblighi comunicativi e contributivi così come dedotti dai vari Comunicati del Presidente e Delibere dellAutorità sulla materia”.

Ricordiamo che la Delibera n. 1/2017 ha fornito indicazioni alle stazioni appaltanti sulle modalità per l’acquisizione e per il perfezionamento del Cig, chiarendo – tra l’altro – che:

  1. per le procedure che prevedono la pubblicazione del bando o avviso di gara, il Cig va acquisito prima della relativa pubblicazione, in modo che possa essere ivi riportato;
  2. per le procedure che prevedono l’invio della lettera di invito, il Cig va acquisito prima dell’invio delle stesse in modo che possa essere ivi riportato;
  3. per gli acquisti effettuati senza le modalità di cui ai punti a) e b), il Cig va ottenuto prima della stipula del relativo contratto, in modo che possa essere ivi riportato e consentire il versamento del contributo da parte degli operatori economici selezionati (ad esempio, nel caso di affidamenti in somma urgenza il Cig va riportato nella lettera d’ordine).

Related Articles

Il Garante della privacy blocca provvisoriamente alcuni trattamenti di dati dell’“App IO”

Il 10 giugno, con un provvedimento, l’Autorità “Garante per la protezione dei dati personali” ha chiesto a PagoPA, società pubblica

“Pareggio di bilancio 2018”: attribuzione spazi finanziari per il “Patto di solidarietà nazionale verticale”

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento della Ragioneria dello Stato-Igepa, ha emanato il Decreto ministeriale 9 febbraio 2018, n.

Dichiarazione “730/2021”: approvato il Modello e le relative Istruzioni ministeriali

Con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 15 gennaio 2021, sono stati approvati i Modelli “730”, “730-1”, “730-2” per