Classamento immobili: la rettifica deve essere giustificata dalla modifica nel valore degli immobili presenti nella microzona


Nell’Ordinanza n. 12685 del 25 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che la ragione giustificativa della rettifica del classamento non è la mera evoluzione del mercato immobiliare, né la mera richiesta del Comune, bensì l’accertamento di una modifica nel valore degli immobili presenti nella microzona, attraverso le procedure previste dall’art. 1, comma 339, della Legge n. 311/2004, dovendosi considerare, oltre al fattore posizionale, anche le caratteristiche edilizie del fabbricato di cui all’art. 8, comma 7, del Dpr. n. 138/1998, circostanza che assume valore rilevante in sede di motivazione dell’atto. Né può essere sufficiente il mero

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.