Concorsi: per il corretto inoltro della domanda tramite Pec vale la data di invio da parte del concorrente

Concorsi: per il corretto inoltro della domanda tramite Pec vale la data di invio da parte del concorrente

Nella Sentenza n. 12002/2020 del Tar Lazio, i Giudici affermano che, in un concorso per il “Pubblico Impiego”, deve essere accettata anche la domanda pervenuta fuori termine se la casella Pec dell’Amministrazione è piena. In tale ipotesi, come avvenuto nel caso di specie, il comportamento della ricorrente – che si è puntualmente adoperata per garantire il tempestivo nonché rituale (a mezzo Pec) invio della domanda di partecipazione – non può essere ritenuto improntato a negligenza. Il corretto adempimento peraltro risulta ampiamente attestato dalla ricevuta di “accettazione” della domanda stessa, dovendosi piuttosto ascrivere la sua mancata “consegna” ad una mera defaillance organizzativa della Pubblica Amministrazione (casella Pec piena, che evidentemente non era stata in quei giorni prontamente e debitamente svuotata) che in alcun modo potrebbe negativamente ricadere sull’incolpevole privato cittadino. E tanto in applicazione del Principio del divieto di aggravio del procedimento di cui all’art. 1, comma 2, della Legge n. 241/1990. Dunque, è irragionevole ricollegare un determinato effetto di decadenza al ritardo, nel compimento di una determinata attività, riferibile non al richiedente ma alla stessa P.A. che indìce il concorso, o meglio ad un segmento di attività del tutto estranea alla sfera di disponibilità del candidato. Una volta che quest’ultimo abbia efficacemente posto in essere tutte le attività a lui direttamente imposte (in questo caso: tempestivo inoltro della domanda entro una certa data ed utilizzo della Pec), alcuna forma di responsabilità, né tanto meno alcun effetto decadenziale, potrebbe essere allo stesso addebitato. Perciò, in base a quanto sopra esposto, la disposizione dell’avviso, nella parte in cui stabilisce che la domanda deve “pervenire” alla P.A. entro un dato termine (con correlato onere di attestarne la “consegna” via Pec), si rivela illegittima per la violazione dei suddetti Principi.


Related Articles

“Privacy”: in G.U. il Decreto legislativo che disciplina l’adeguamento della normativa nazionale al Regolamento Ue 2016/679

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 205 del 4 settembre 2018 il Dlgs. 10 agosto 2018, n. 101, recante “Disposizioni

Responsabilità amministrativa: condanna di un dipendente regionale per aver ottenuto il rimborso dei pasti presentando ricevute false

Corte dei conti – Sezione terza giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 2 del 9 gennaio 2015 Oggetto Condanna di

Orari apertura scuole: la Provincia non ha titolo per determinarli

Nella Sentenza 59 del 3 marzo 2016 del Tar Liguria, il ricorso è rivolto avverso la Deliberazione del Consiglio provinciale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.