Concorsi pubblici: per la Cassazione è legittima l’esclusione di extracomunitari

Concorsi pubblici: per la Cassazione è legittima l’esclusione di extracomunitari

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 18523 del 2 settembre 2014, si è espressa sul caso di una cittadina albanese regolarmente soggiornante in Italia, invalida con totale e permanente inabilità lavorativa che chiedeva che fosse accertata la natura discriminatoria del comportamento tenuto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che aveva indetto un concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 5 lavoratori disabili per la copertura dei posti vacanti presso gli uffici dell’Amministrazione autonoma Monopoli di Stato, riservando la partecipazione ai soli cittadini italiani e comunitari.

La Suprema Corte ha osservato che recentemente il Legislatore con un nuovo intervento ha ampliato l’accesso ai pubblici impieghi solo a determinate categorie di cittadini extracomunitari, allo scopo di ricomprendervi i soggetti direttamente garantiti dalle Direttive comunitarie. Il riferimento solo ad alcune categorie di stranieri ammessi al pubblico impiego, a parità con il cittadino dell’Unione Europea, manifesta la persistente volontà del Legislatore di escludere le ulteriori categorie di cittadini extracomunitari non espressamente contemplati. Pertanto, in materia di rapporti con la P.A., viene riconosciuta la parità di tutti gli aspiranti lavoratori non in termini assoluti e totali ma nei limiti e nei modi previsti dalla legge e ciò non comporta incompatibilità con disposizioni costituzionali, perché non rientra tra i diritti fondamentali garantiti l’assunzione alle dipendenze di un determinato datore di lavoro. In conclusione quindi la Suprema Corte statuisce che non basta il permesso di soggiorno per accedere ai concorsi pubblici e non è una discriminazione mettere dei limiti all’assunzione di immigrati da parte dello Stato.


Tags assigned to this article:
cassazioneconcorsipersonale

Related Articles

Concorsi pubblici: verso la proroga delle graduatorie degli Enti Locali in scadenza il 31 dicembre 2016

Presto sarà perfezionato un Provvedimento che prorogherà la validità delle graduatorie dei concorsi pubblici degli Enti Locali in scadenza il

Tarsu: la Cassazione conferma la legittimità dei Regolamenti che prevedano tariffe per utenze domestiche ed esercizi alberghieri

  Nell’Ordinanza n. 22523 del 27 settembre 2017 della Corte di Cassazione, una Società esercente l’attività alberghiera in un villaggio

“Pubblico Impiego privatizzato”: la competenza sulle controversie relative allo scorrimento delle graduatorie è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 1041 del 17 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sul tema