Concorso pubblico: sì alla rettifica in caso errore materiale nella compilazione della domanda di partecipazione

Concorso pubblico: sì alla rettifica in caso errore materiale nella compilazione della domanda di partecipazione

Nella Sentenza n. 1231 del 2 marzo 2017 del Tar Campania, il ricorrente aveva inserito, nella domanda online di partecipazione ad un concorso (nella specie, per il reclutamento di docenti), un codice errato, corrispondente a quello di altra disciplina, simile nel nome ma non nei contenuti a quella che si intendeva richiedere.

Secondo i Giudici campani, l’interessato era incorso in un errore c.d. “ostativo”, consistente nella manifestazione di una volontà diversa da quella reale. Tale errore, richiamando le categorie civilistiche, è da considerarsi, oltre che essenziale, riconoscibile per la descritta incoerenza tra il contenuto della domanda e la classe richiesta. Pertanto, i Giudici affermano che, in presenza di simili dati di fatto, l’Amministrazione avrebbe senz’altro dovuto consentire la rettifica in conformità al principio di correttezza e di buon andamento dell’attività amministrativa (art. 97 della Costituzione), dovendosi privilegiare il principio del favor partecipationis nei concorsi pubblici in rapporto a errori meramente formali.

Sentenza n. 1231 del 2 marzo 2017 – Tar Campania


Related Articles

Ici: esenzioni di immobili destinati ad abitazione dei rappresentanti di una Congregazione religiosa

Nell’Ordinanza n. 17250 del 27 giugno 2019 della Corte di Cassazione, una Congregazione religiosa proponeva ricorso avverso 3 avvisi di

Entrate tributarie e contributive: in crescita di oltre 2 miliardi nel I quadrimestre 2016

Con Comunicato n. 109 del 15 giugno 2016, il Mef ha reso nota l’avvenuta pubblicazione del Rapporto sull’andamento delle entrate

Riscossione: impugnazione dell’intimazione di pagamento nel caso di omessa notifica della cartella di pagamento

Nella Sentenza n. 27776 del 22 novembre 2017 della Corte di Cassazione, una Società contribuente, con l’impugnazione dell’iscrizione a ruolo