Congedi parentali ad ore: le indicazioni Inps per la valorizzazione in Denuncia con contribuzione figurativa ai fini pensionistici

Congedi parentali ad ore: le indicazioni Inps per la valorizzazione in Denuncia con contribuzione figurativa ai fini pensionistici

Con la Circolare n. n. 40 del 23 febbraio 2016, l’Inps è tornata sulle novità introdotte in materia di congedi parentali dal Dlgs. 15 giugno 2015, n. 80, rubricato “Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell’art. 1, commi 8 e 9, della Legge 10 dicembre 2014, n. 183”, emanato in attuazione del “Jobs Act” (art. 1, commi 8 e 9, Legge 10 dicembre 2014, n. 183).

Facendo seguito alle proprie Circolari n. 139/2015 e n. 152/2015, l’Istituto nazionale di previdenza sociale ha fornito delle indicazioni relative alla valorizzazione, tramite il flusso “Uniemens”, dei congedi nelle Denunce contributive per quelle P.A. iscritte alla “Gestione dipendenti pubblici”.

Con la Circolare n. 40, l’Inps ha illustrato le corrette modalità di comunicazione dei periodi di congedo ai fini dell’accredito della contribuzione figurativa.

Per i mesi in cui il lavoratore fruisce di questo istituto, in sede di predisposizione del flusso “Uniemens – ListaPosPA”, si dovrà compilare un Quadro “V1”, causale “7”, codice motivo utilizzo “8 – Eventi con accredito figurativo”, con i nuovi “Tipo servizio”, diversificati in base alla tipologia di congedo (con retribuzione ridotta o senza retribuzione) e alla natura retributiva (stipendio ordinario o tredicesima).

 

INPS – Circolare numero 39 del 23-02-2016


Related Articles

“Covid-19”: alcuni chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sui criteri di calcolo del premio di 100 Euro ai lavoratori dipendenti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 18/E del 9 aprile 2020, ha fornito chiarimenti in ordine al premio ai

Aggiudicazione appalto: differenza tra criteri soggettivi di qualificazione e criteri oggettivi di valutazione dell’offerta

Nella Sentenza n. 279 del 17 gennaio 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che l’inserimento di requisiti di

Finanziamento mediante mutuo per pagare risarcimento danni per condanna: appropriazione illegittima suolo da parte dell’Ente

Nella Delibera n. 124 del 19 maggio 2015 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede se è possibile finanziare