Consigliere residente fuori del capoluogo del Comune: sì al rimborso spese di viaggio se mancano trasporti pubblici adeguati

Consigliere residente fuori del capoluogo del Comune: sì al rimborso spese di viaggio se mancano trasporti pubblici adeguati

Nella Delibera n. 38 del 29 dicembre 2016 della Corte dei conti Autonomie, la questione controversa riguarda le modalità di calcolo del rimborso delle spese di viaggio sostenute da un Consigliere comunale residente fuori dal territorio dell’Ente, il quale, in assenza di mezzi di trasporto pubblico idonei, utilizzi il mezzo di trasporto privato per raggiungere la sede ove svolge le proprie funzioni politico-istituzionali.

In particolare, la Sezione è chiamata a valutare le 2 diverse fattispecie contemplate dall’art. 84, comma 1 e 3, del Dlgs. n. 267/00. Infatti, il rimborso delle spese di viaggio assume una diversa natura e finalità nelle

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Accertamento fiscale: è legittimo anche se l’Ente Locale ha dichiarato il dissesto

Corte di Cassazione – Sentenza 16959 dell’11 agosto 2016   Con la Sentenza n. 16959 dell’11 agosto 2016, la Suprema

Riforma P.A.: nuovi chiarimenti del Ministro Madia in materia di incarichi conferiti a soggetti in quiescenza

Con la Circolare n. 4 del 10 novembre 2015, il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia,

Mobilità per interscambio tra dipendenti comunali in possesso del profilo professionale di Agente di Polizia municipale

Nella Delibera n. 444 del 20 ottobre 2015 della Corte dei conti Toscana, la questione controversa verte sulla possibilità, per