Consigliere residente fuori del capoluogo del Comune: sì al rimborso spese di viaggio se mancano trasporti pubblici adeguati

Nella Delibera n. 38 del 29 dicembre 2016 della Corte dei conti Autonomie, la questione controversa riguarda le modalità di calcolo del rimborso delle spese di viaggio sostenute da un Consigliere comunale residente fuori dal territorio dell’Ente, il quale, in assenza di mezzi di trasporto pubblico idonei, utilizzi il mezzo di trasporto privato per raggiungere la sede ove svolge le proprie funzioni politico-istituzionali.

In particolare, la Sezione è chiamata a valutare le 2 diverse fattispecie contemplate dall’art. 84, comma 1 e 3, del Dlgs. n. 267/00. Infatti, il rimborso delle spese di viaggio assume una diversa natura e finalità nelle

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.