Consiglio dei Ministri: via libera al Ddl. “Semplificazioni”, regole più semplici per Farmacie e Scuola

Nella Seduta del 26 marzo 2024, il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a un pacchetto di semplificazioni per Cittadini e Imprese, che ha come obiettivo la realizzazione del “Pnrr” e avere una P.A. capace di erogare servizi all’altezza

Una Notizia, pubblicata in data 26 marzo 2024 sul sito del Ministro per la Pubblica Amministrazione, rende noto che, nella Seduta del Consiglio dei Ministri tenutasi nella stessa data, è stato approvato un nuovo pacchetto di semplificazioni per Cittadini e Imprese, che ha come obiettivo, non solo la realizzazione del “Pnrr”, che impone di rivedere 600 procedure entro il 2026, le prime 200 entro quest’anno, ma anche di avere una P.A. capace di erogare servizi a all’altezza. 

La semplificazione è un percorso necessario per rendere la Pa più veloce ed efficiente – ha sottolineato il Ministro per la P.A. Paolo Zangrillo – e contribuire così allo sviluppo del Paese. Stiamo lavorando intensamente per migliorare tutti quei meccanismi, quelle procedure, quelle regole che disciplinano il rapporto con i nostri utenti, trasformando la burocrazia da ostacolo in opportunità, in una logica di confronto, di dialogo e di ascolto delle istituzioni e delle associazioni di categoria. Un metodo condiviso che rappresenta la vera novità di questa azione”.

I 35 articoli del Disegno di legge approvato dal Consiglio dei Ministri contribuiscono al conseguimento degli Obiettivi della Missione M1C1-60 del “Pnrr”, aggiungendosi agli Interventi già in vigore dallo scorso anno in numerose materie e alle semplificazioni per le attività artigiane introdotte con il recente Dl. “Pnrr”. 

Stando alla Notizia, attualmente sono in fase di verifica con la Commissione Europea, attraverso le competenti strutture del Dipartimento della Funzione pubblica e del Ministero per il “Pnrr”, circa 174 procedure già semplificate.

Si riportano di seguito le principali norme previste dal Provvedimento

Farmacie 

Possono somministrare ai maggiori di 12 anni tutti i vaccini, non più solo quello contro il “Covid”, e offrire maggiori servizi in un’ottica di medicina di prossimità: dalla telemedicina alla possibilità di scegliere il proprio medico curante e il pediatra di libera scelta tra quelli convenzionati con il servizio sanitario regionale. Nuova anche l’insegna: accanto alla tradizionale croce verde comparirà la scritta “Farmacia dei servizi”.

Turismo

Per le auto dei clienti e per prendere in carico le loro valigie, gli alberghi potranno ottenere in via temporanea, una concessione di occupazione di suolo pubblico su porzioni di sedimi stradali, dove allestire parcheggi o piazzole per lo scarico di bagagli che non determinino intralcio alla circolazione. Novità anche per le guide alpine: non dovranno aver lavorato per 10 anni come aspiranti guide. Resta l’obbligo di presentare il Certificato di idoneità psico-fisica. Per offrire servizi efficienti ai passeggeri, soprattutto nei periodi dell’anno con maggiori flussi turistici, sono previste anche misure che agevolano il reclutamento del personale marittimo, l’imbarco, lo sbarco e il suo trasbordo.

Istruzione

Il Provvedimento stabilisce che nello stesso anno scolastico uno studente può sostenere gli esami di idoneità per non più di 2 anni di corso successivi a quello per il quale ha conseguito l’ammissione. Per la conferma dei contratti a termine viene favorita la continuità lavorativa dei Docenti di sostegno, purché rispettino specifici requisiti. Previste procedure più agevoli per l’erogazione dei contributi alle Scuole paritarie, viene introdotto l’obbligo dell’utilizzo di Pagelle elettroniche, Registro online e Protocollo informatico, con un notevole risparmio di tempo per le famiglie. Per l’iscrizione al primo e secondo Ciclo, una Piattaforma unica consente agli Istituti di acquisire dati e documenti dal medesimo Sistema informatico.

Immobili vincolati

Prevista la possibilità di ricorrere al silenzio-assenso per il rilascio del “permesso di costruire” qualora la domanda sia già corredata da autorizzazioni, nulla-osta o atti di assenso prescritti dalla legge, già acquisiti dall’autorità competente, senza ricorrere alla conferenza dei servizi.

Morte presunta

Per le persone scomparse e presunte morte si riducono i tempi per far rivalere il diritto all’eredità e al possesso o all’uso dei beni. Gli anni necessari per dichiarare la morte passano da dieci a cinque. Dimezzati anche i tempi per la dichiarazione di assenza: un anno dall’ultima notizia anziché 2. Diventano più semplici le autorizzazioni all’inumazione, alla tumulazione, alla cremazione e alla dispersione delle ceneri, che possono essere presentate online.

Donazioni

Si interviene sulla circolazione giuridica dei beni provenienti da donazioni consentendo, con una apposita norma, di agevolare il mercato dei beni provenienti da donazioni, oggi in larga parte bloccato per i timori degli acquirenti di essere destinatari di azioni da parte degli eredi legittimi.

Autotutela

Si riducono da 12 a 6 mesi i termini entro cui l’Amministrazione può provvedere all’annullamento, in autotutela, dei provvedimenti illegittimi.

Foto: Dipartimento della Funzione pubblica