Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario: trattasi di Enti non commerciali ai fini Ires e Iva

Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario: trattasi di Enti non commerciali ai fini Ires e Iva

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 80 del 22 novembre 2018, ha ribadito che le attività istituzionali dei Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario, di cui all’art. 1, comma 1-bis, del Dl. n. 125/89, convertito dalla Legge n. 214/1989, sono da considerarsi non commerciali ai fini delle Imposte dirette e dell’Iva.

In particolare ha ricordato che l’art. 1, comma 1-bis, del Dl. n. 125/1989, convertito dalla Legge n. 214/1989, stabilisce che “le attività istituzionalmente proprie, svolte ai sensi delle vigenti disposizioni legislative statali e regionali, da Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario, anche di secondo grado, non costituiscono attività commerciale”. La disposizione, come affermato dal Consiglio di Stato con il Parere reso dalla Sezione III, in data 7 maggio 1991, n. 292, ha natura interpretativa e persegue la finalità di eliminare un consistente contenzioso che era sorto in merito alla natura giuridica dei Consorzi di bonifica ed al conseguente trattamento fiscale.

Tramite lo strumento legislativo infatti viene affermata la natura non commerciale delle attività istituzionali proprie svolte dai Consorzi di bonifica ai sensi delle vigenti disposizioni, escludendo che essi possano essere intesi quali Enti che esercitano, in via esclusiva o prevalente, attività di natura commerciale. In proposito, con la Circolare n. 28/91 è stato chiarito che, in base alla disposizione di cui al comma 1-bis del predetto art. 1, i Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario sono da ricondurre tra gli Enti non commerciali.

Conseguentemente, non costituisce provento di natura commerciale qualsiasi somma o rimborso corrisposto ai Consorzi in argomento dallo Stato e da Enti pubblici, al pari dei contributi versati dai consorziati, sempreché dette somme siano percepite nell’esercizio dell’attività propria dei Consorzi ed in conformità alle finalità istituzionali dei Consorzi medesimi.

Pertanto, come altresì precisato con la citata Circolare n. 28/1991, non sono assoggettabili ad Imposta i contributi consortili e gli altri proventi derivanti dall’attività di manutenzione ed esercizio delle opere di bonifica, attesa anche l’impossibilità di parificare la distribuzione delle acque d’irrigazione ad una mera “erogazione” di servizio, come quelli dell’acqua, gas, luce elettrica, da identificare nell’attività di distribuzione di utenze a soddisfacimento prevalente di un interesse del consumatore, laddove il servizio del Consorzio è assolto prioritariamente nell’interesse generale della bonifica del comprensorio.


Related Articles

Iva: sono soggetti i compensi percepiti dai Professionisti dopo la cessazione dell’attività

Corte di Cassazione, Sentenza n. 8059 del 21 aprile 2016   Con la Sentenza in commento, la Suprema Corte ha

“Superbonus”: ne può beneficiare anche una Asd per Interventi sugli spogliatoi di una Palestra comunale utilizzata in Convenzione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 515 del 27 luglio 2021, ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità di

“Spesometro 2015”: a pochi giorni dalla scadenza esclusi gli Enti Locali

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n. 44922/2015 del 31 marzo 2015, ha introdotto, in prossimità dei termini di invio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.