Contratto appalto “Mensa scolastica”: è corretto indicare separatamente gli oneri per la sicurezza e applicarvi l’aliquota ordinaria?

Contratto appalto “Mensa scolastica”: è corretto indicare separatamente gli oneri per la sicurezza e applicarvi l’aliquota ordinaria?

Il testo del quesito:

Abbiamo 2 dubbi in merito ad una fattura d’acquisto relativa al Servizio Iva di ‘Mensa scolastica’.

  1. l’appaltatore evidenzia in maniera separata nella fattura gli oneri di sicurezza (non soggetti a ribasso in sede di gara): vi è un obbligo normativo in merito alla necessita di evidenziare tale importo in fattura separatamente rispetto il pasto?
  2. l’appaltatore assoggetta tali oneri ad aliquota ordinaria (22%) anziché al (4%) come il resto del contratto: è corretto?

 

La risposta dei ns. esperti:

La definizione di “oneri per la sicurezza” negli appalti è, in generale, questione molto dibattuta e non esistono ad oggi Risoluzioni specifiche dell’Agenzia delle Entrate che trattino in modo specifico l’argomento dal punto di vista fiscale.

L’art. 95, comma 10, del Dlgs. n. 50/2016 (“Codice dei Contratti pubblici”), prevede che “nell’offerta economica l’operatore deve indicare i propri costi aziendali concernenti l’adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro”. Tali costi fanno parte dell’offerta dell’operatore economico, ma devono essere indicati in modo separato (oneri di sicurezza interni o aziendali).

Ci sono poi gli oneri per la sicurezza relativi allo specifico appalto, che la stazione appaltante indica nei documenti di gara e che non possono essere soggetti a ribasso.

Anche in questo caso, tali oneri rientrano nell’importo complessivo dell’appalto.

A nostro avviso, in mancanza di chiarimenti perentori, è da ritenersi in entrambi i casi corretta, anche perché maggiormente prudenziale, l’applicazione dell’aliquota Iva 22%, non facendo rientrare detti oneri, dal punto di vista della normativa fiscale, tra le prestazioni “accessorie” all’appalto principale e come tali soggette allo stesso regime Iva ai sensi dell’art. 12 del Dpr. n. 633/1972.

di Francesco Vegni


Related Articles

Soggetti aggregatori: disponibile il Modulo per la presentazione della domanda di iscrizione all’Elenco

Coerentemente con quanto era stato preannunciato con la Determinazione n. 2 dell’11 febbraio 2015, l’Autorità nazionale anticorruzione ha pubblicato il

Accordo di programma: all’atto della ratifica, il Consiglio comunale non può entrare nel merito dei contenuti

Nella Sentenza n. 8818 del 20 luglio 2017 del Tar Lazio, i Giudici si esprimono sulla questione della natura e

Finanza locale: chiarimenti in materia di regolazioni contabili tra lo Stato e gli Enti Locali

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha fornito, con il Comunicato 12 novembre 2014, chiarimenti relativi alle

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.