Corte dei conti: Piano organico per recuperare terreno

Corte dei conti: Piano organico per recuperare terreno

Con il Comunicato n. 29 del 28 maggio 2020, la Corte dei conti rende noto il “Rapporto 2020 di coordinamento sulla finanza pubblica” approvato dalle Sezioni in sede di controllo della Corte dei conti, che contiene la valutazione sulle prospettive di economia e conti pubblici del Paese alla prova di una crisi inaspettata e di dimensioni globali. In particolare, si legge nel rapporto in questione: “L’Economia italiana (come quella mondiale) sta vivendo un’esperienza tra le più travagliate. Essa avrà sia effetti di breve periodo, già ricordati, sia effetti di lungo periodo, da tener ben presenti e da cui potrebbero discendere anche opportunità da cogliere. Tra queste ultime va ricordato il forte impulso che le sperimentate attività a distanza potranno dare allo sviluppo dell’economia digitale, con i conseguenti aumenti di produttività di sistema; il possibile ribilanciamento tra produzioni effettuate all’interno dei Paesi e all’esterno di essi; la spinta alla modernizzazione dei Sistemi sanitari e allo sviluppo della Telemedicina. Sarà cruciale capire come evolverà il tasso di inflazione delle economie, tra pressioni di minore domanda e possibile spinta da costi; altrettanto importante, per le finanze pubbliche, risulterà l’evoluzione del tasso di interesse “di fondo”. Con Prodotto interno lordo e reddito in caduta per la scarsa dinamica degli investimenti fissi lordi e con la spesa che passa dal 46,6 al 54,8 % del Pil, nell’attuale recessione, la Corte evidenzia “il ruolo che ha rivestito, nella scarsa accumulazione di capitale, la componente degli investimenti pubblici e la conseguente esigenza di un suo appropriato rilancio. Ma i dati mostrano che ampi spazi di miglioramento e di recupero vi sono anche per gli investimenti privati”. La Corte dei conti segnala che è solo attraverso un Piano organico che si potrà recuperare terreno su questo fronte e porre le basi alla crescita delle potenzialità di sviluppo che trova evidentemente una condizione di fondo nel rafforzamento della produttività totale dei fattori. Per quanto riguarda le misure per il dopo emergenza, il Rapporto di coordinamento traccia la road map delle linee di intervento urgenti: riforma fiscale, completamento del sistema di finanziamento delle Amministrazioni territoriali, individuazione di meccanismi di uscita dal mondo del lavoro certi e sostenibili, definizione di un progetto di assistenza sanitaria territoriale condiviso e su cui investire consapevolmente risorse adeguate, dando anche un assetto al sistema di assistenza territoriale e di solidarietà che ha accompagnato i giorni della crisi, nonché di un piano di infrastrutturazione del Paese su cui orientare le risorse sia pubbliche che private.


Related Articles

Costituzione di una Fondazione di partecipazione

Nella Delibera n. 22 del 18 settembre 2019 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, un Sindaco chiede un parere

“Spending review”: ripartito il contributo delle Province e delle Città metropolitane alla finanza pubblica

In applicazione dell’art. 1, comma 150-bis, della Legge n. 56/2014 (“Legge Delrio”), è stato ripartito tra 86 Città metropolitane e

Arconet: forniti chiarimenti circa la contabilizzazione delle anticipazioni di Tesoreria non rimborsate a fine anno

È stata pubblicata sul Portale Arconet la Faq n. 29 del 26 marzo 2018, con la quale sono fornite indicazioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.