Corte Lombardia su anticipazione di Tesoreria: “mancata restituzione al termine dell’esercizio deve essere particolarmente attenzionata”

Corte Lombardia su anticipazione di Tesoreria: “mancata restituzione al termine dell’esercizio deve essere particolarmente attenzionata”

Nella Delibera n. 32 del 19 marzo 2021 della Corte dei conti Lombardia, la Sezione rileva che la mancata restituzione dell’anticipazione di Tesoreria al termine dell’esercizio deve essere particolarmente attenzionata, poiché costituisce il sintomo di una reale difficoltà dell’Ente di fare fronte alle attività ordinarie con risorse proprie. L’anticipazione di Tesoreria è una forma di finanziamento a breve termine, a cui l’Ente ricorre per far fronte a momentanei problemi di liquidità. L’utilizzo di questo strumento finanziario ha carattere eccezionale e avviene nei casi in cui la gestione del bilancio abbia generato, principalmente in conseguenza della mancata sincronizzazione tra il flusso delle entrate e la decorrenza dei pagamenti, temporanee carenze di cassa in rapporto ai pagamenti da effettuare in un dato momento.

Al contrario, il reiterato ricorso ad anticipazioni di tesoreria, anche nell’ipotesi in cui non superi il limite previsto dall’art. 222 del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), e cioè i tre dodicesimi delle entrate accertate con riferimento ai primi tre titoli, rischia di divenire un mezzo ordinario e fisiologico di gestione per il pagamento delle spese, indice di latenti e reiterati squilibri nella gestione finanziaria, da non collegare pertanto al mero disallineamento temporale tra incassi e pagamenti. Il fenomeno potrebbe mascherare altresì forme di finanziamento a medio o lungo termine, con conseguente elusione dell’art. 119 della Costituzione, che consente di ricorrere ad indebitamento solo per finanziare le spese di investimento. Di conseguenza, viene richiesto all’Amministrazione di analizzare e monitorare le cause che hanno determinato gli squilibri nella gestione di cassa, individuando l’origine degli scompensi prodotti rispetto al bilancio di competenza e adottando le misure correttive idonee ad evitare un continuo ricorso allo strumento dell’anticipazione e a tutela degli equilibri di bilancio.


Related Articles

Imposte dirette: Dichiarazione correttiva anche quando sia già intervenuto un controllo da parte dell’Amministrazione finanziaria

Nella Sentenza n. 175 del 9 gennaio 2015 della Corte di Cassazione, il Giudici affermano che il contribuente che abbia

Durc: non sono consentite regolarizzazioni postume della posizione previdenziale

Nella Sentenza n. 5 del 28 febbraio 2016 del Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, i Giudici rilevano che anche dopo

“Anpr”: il Viminale invia alle Prefetture la lista dei Comuni inadempienti chiedendo il subentro entro il 21 giugno 2021

Con la Circolare n. 30 del 4 giugno 2021, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, è

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.