“Covid-19”: necessaria la “Certificazione verde” per chi rientra dall’estero

“Covid-19”: necessaria la “Certificazione verde” per chi rientra dall’estero

Sulla G.U. n.145 del 19 giugno 2021 è stata pubblicata una nuova Ordinanza del Ministero della Salute, recante “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da ‘Covid-19’”.

L’Ordinanza, che ha effetto a partire dal 21 giugno 2021 e terminerà il 30 luglio 2021, introduce l’obbligo di presentazione di una “Certificazione verde” rilasciata ai sensi dell’art. 9, comma 2, del Dl. n. 52/2021 e ai sensi dei regolamenti UE n. 2021/953 e n. 2021/954 per chiunque faccia ingresso per una qualsiasi durata nel territorio nazionale da Stati o territori di cui all’Elenco “C” dell’“Allegato 20” del predetto Decreto.

Inoltre, la compilazione del “Passenger Locator Form”, prevista dall’Ordinanza del Ministero della Salute 16 aprile 2021 e pubblicata sulla G.U. n. 92 del 17 aprile 2021, non è richiesta in caso di rientro nel territorio nazionale a seguito di permanenza di durata non superiore a 48 ore in località estere o nazionali situate a distanza non superiore a 60 km dal luogo di residenza, domicilio o abitazione, purché lo spostamento avvenga con mezzo privato. 

Per quanto riguarda l’ingresso sul territorio nazionale da Canada, Giappone o Stati Uniti, è necessario presentare al rientro in Italia una “Certificazione verde” rilasciata dalle rispettive Autorità sanitarie locali. 

Le misure relative agli spostamenti dall’India, dal Bangladesh e dallo Sri Lanka, di cui all’art. 1 dell’Ordinanza del Ministro della Salute 29 aprile 2021, sono prorogate fino al 30 luglio 2021.

Per tutti coloro che hanno soggiornato o transitato nei 14 giorni precedenti al rientro in Italia nel Regno Unito e Irlanda del Nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale e basi britanniche nell’Isola di Cipro), è obbligatorio sottoporsi, a prescindere dall’esito del test di cui all’art. 2, comma 1, dell’Ordinanza del Ministro della Salute 14 maggio 2021, alla sorveglianza sanitaria e a un periodo di 5 giorni di isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora e comunicare il proprio ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio. Al termine dei 5 giorni di isolamento fiduciario, è necessario effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico.

I minori che viaggiano con almeno un genitore o con un accompagnatore che sia in possesso di una “Certificazione verde” non sono tenuti ad effettuare, laddove previsto, l’isolamento fiduciario. I bambini di età inferiore ai 6 anni sono esentati dall’effettuazione del test molecolare o antigenico.


Related Articles

Associazioni di culto diverso da quello cattolico: requisiti necessari ai fini del riconoscimento della personalità giuridica

Nella Sentenza n. 1875 del 20 novembre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici osservano che, ai fini del riconoscimento

Trasferimenti erariali: pubblicata la lista degli Enti Locali beneficiari dei finanziamenti del Programma “#scuolesicure”

Sono disponibili sul sito istituzionale del Ministero dell’Istruzione gli elenchi degli Enti Locali ai quali saranno concessi i finanziamenti relativi

Gestioni dipendenti pubblici: al via la sperimentazione del nuovo processo di liquidazione delle pensioni

  Con la Circolare n. 110 del 28 maggio 2015, l’Inps ha annunciato l’avvio di una sperimentazione che avrà per

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.