Danno erariale: mancata istruttoria

Nella Sentenza n. 4 del 9 gennaio 2018 della Corte dei conti, Sezione centrale di Appello, un Comune proprietario di un edificio aveva sottoscritto con una Società una Convenzione per la concessione in uso di detto edificio. A seguito di alcune modifiche apportate a detta Convenzione, il Comune e la Società, ne sottoscrivevano una nuova, sostitutiva della precedente, con la quale la Società si obbligava alla completa ristrutturazione dell’immobile ed il Comune gliene concedeva l’uso per una durata trentennale. Seguiva atto notarile di concessione di ipoteca sul bene a garanzia di un mutuo fondiario avviato dalla Società per finanziare l’esecuzione di lavori finalizzati al recupero del bene ed un contratto di sublocazione alla Cooperativa che occupava il bene, siccome previsto nelle 2 Convenzioni.

Il mancato rispetto da parte della Società degli impegni assunti con il mutuo fondiario ha comportato l’intimazione da parte della Banca al Comune, quale terzo datore di ipoteca, del pagamento di quanto dovuto con correlativo pignoramento del bene ed avvio della procedura esecutiva per la vendita forzata dell’immobile. A seguito del fallimento della Società concessionaria, il Comune veniva coinvolto in numerosi contenziosi (poi risolti con transazione) che comportavano l’erogazione di una grossa somma per il contenzioso sostenuto. Dunque, per il danno arrecato all’Ente sono stati ritenuti responsabili gli Amministratori che avevano votato la Delibera di autorizzazione e il Segretario comunale che aveva reso il parere favorevole di legittimità e regolarità tecnica contabile.

In conclusione, la Sezione pone in evidenza che la Pubblica Amministrazione, in base al principio di buon andamento e di economicità del pubblico agire, è tenuta ad una prudente e diligente valutazione delle condizioni patrimoniali e finanziarie del beneficiario, funzionale essenzialmente alla ponderazione del rischio di sottrazione al patrimonio dell’Ente dell’immobile pubblico da ipotecare.

La nostra attenzione alla verifica dei contenuti

Gli articoli e i contenuti prodotti dalla nostra redazione sono tutti verificati da esperti del settore. Seguendo una procedura di qualità certificata, i giornalisti della redazione operano a stretto contatto con gli esperti per verificare la correttezza delle informazioni pubblicate. L'obiettivo è quello di fornire a tutti i lettori informazioni verificate e attendibili.