“Ddl. bilancio 2017”: il credito d’imposta per ricerca e sviluppo passa al 50% per le spese sostenute in più rispetto alla media degli ultimi anni

“Ddl. bilancio 2017”: il credito d’imposta per ricerca e sviluppo passa al 50% per le spese sostenute in più rispetto alla media degli ultimi anni

Il credito d’imposta, di cui all’art. 3, del Dl. n. 145/13, riconosciuto a tutte le imprese che effettuano attività in ricerca e sviluppo, sarà usufruibile fino al 31 dicembre 2020.

È una delle novità apportate dal “Ddl. bilancio 2017” – nello specifico dall’art. 4 – alla normativa sul credito d’imposta a favore di imprese che effettuano attività di ricerca e sviluppo.

Dal 2017 il credito passa dal 25% al 50% per le spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti in ricerca e sviluppo realizzati nei 3 periodi d’imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015 e passerà aD Euro 20 milioni l’importo massimo riconoscibile a ciascun contribuente.

Viene esteso l’ambito di applicazione del bonus, per incentivare le attività di ricerca e sviluppo svolte da imprese che operano sul territorio nazionale in base a contratti di committenza con imprese residenti o localizzate in altri Stati membri dell’Unione europea, negli Stati aderenti all’sccordo sullo Spazio economico europeo o in Stati inclusi nella “white list” (Dm. 4 settembre 1996).


Related Articles

Spesa del personale: esclusi dal computo i finanziamenti per assumere Assistenti sociali

Nella Delibera n. 6 del 5 febbraio 2021 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto come devono essere

Principio di rotazione: l’invito al gestore uscente deve essere motivato

Nella Sentenza n. 376 del 16 settembre 2019 del Tar Friuli Venezia Giulia, un Comune ha indetto una procedura negoziata

Provvedimento di mancata aggiudicazione: valutazione di non convenienza dell’unica offerta rimasta in gara

Nella Delibera n. 79 del 29 gennaio 2020 dell’Anac, una Società ha contestato il provvedimento di non aggiudicazione della gara