“Ddl. bilancio 2017”: il credito d’imposta per ricerca e sviluppo passa al 50% per le spese sostenute in più rispetto alla media degli ultimi anni

“Ddl. bilancio 2017”: il credito d’imposta per ricerca e sviluppo passa al 50% per le spese sostenute in più rispetto alla media degli ultimi anni

Il credito d’imposta, di cui all’art. 3, del Dl. n. 145/13, riconosciuto a tutte le imprese che effettuano attività in ricerca e sviluppo, sarà usufruibile fino al 31 dicembre 2020.

È una delle novità apportate dal “Ddl. bilancio 2017” – nello specifico dall’art. 4 – alla normativa sul credito d’imposta a favore di imprese che effettuano attività di ricerca e sviluppo.

Dal 2017 il credito passa dal 25% al 50% per le spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti in ricerca e sviluppo realizzati nei 3 periodi d’imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015 e passerà aD Euro 20 milioni l’importo massimo riconoscibile a ciascun contribuente.

Viene esteso l’ambito di applicazione del bonus, per incentivare le attività di ricerca e sviluppo svolte da imprese che operano sul territorio nazionale in base a contratti di committenza con imprese residenti o localizzate in altri Stati membri dell’Unione europea, negli Stati aderenti all’sccordo sullo Spazio economico europeo o in Stati inclusi nella “white list” (Dm. 4 settembre 1996).


Related Articles

Versamenti dovuti in seguito a controlli automatizzati: istituiti nuovi codici-tributo per pagamenti parziali

Con la Risoluzione n. 90/E del 20 ottobre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha istituito 6 codici-tributo per consentire il versamento

Immigrazione: il 1º novembre 2014 “Mare nostrum” lascia il posto a “Triton”

A partire dal 1º novembre 2014 l’operazione di stampo europeo “Triton” raccoglierà il testimone di “Mare nostrum”, missione interamente finanziata dall’Italia per

Inps: rideterminati importi di assegni di maternità e indennità di malattia per gli iscritti alla “Gestione separata”

Con la Circolare n. 78 del 16 aprile 2015, pubblicata sul proprio sito internet istituzionale, l’Inps ha rideterminato una serie