Debiti P.A.: ripartiti gli spazi finanziari tra gli Enti Locali per i pagamenti di debiti in conto capitale

Debiti P.A.: ripartiti gli spazi finanziari tra gli Enti Locali per i pagamenti di debiti in conto capitale

In applicazione di quanto disposto all’art. 4, comma 6, del Dl. n. 133/2014 (c.d. “Decreto Sblocca Italia”), il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, ha emanato il Decreto 13 ottobre 2014, attualmente in attesa di pubblicazione in G.U., relativo ai pagamenti arretrati dei debiti della Pubblica Amministrazione.

Nello specifico il Decreto ripartisce gli spazi finanziari, per complessivi 200 milioni di Euro, attribuiti per l’anno 2014 agli Enti territoriali per sostenere:

–        i pagamenti di debiti in conto capitale certi liquidi ed esigibili alla data del 31 dicembre 2013;

–        i pagamenti dei debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il predetto termine;

–        i pagamenti di debiti in conto capitale riconosciuti alla data del 31 dicembre 2013 ovvero che presentavano i requisiti per il riconoscimento di legittimità entro la medesima data, connessi a spese ascrivibili ai codici gestionali Siope da 2101 a 2512 per gli Enti Locali e ai codici gestionali Siope da 2101 a 2138 per le Regioni, escluse le spese afferenti la sanità.


Tags assigned to this article:
debiti P.A.decretoMefsblocca italia

Related Articles

Gestione finanziaria Enti Locali: la Relazione della Corte dei conti sull’andamento post-applicazione della contabilità armonizzata

Con il Comunicato-stampa 19 aprile 2018, la Corte dei conti rende nota l’emanazione della Delibera n. 4/18, della Sezione Autonomie,

Ambiente: in G.U. il “Decreto Salva Ilva”, con novità anche in materia di rifiuti

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 153 del 4 luglio 2015 il Dl. 4 luglio 2015, n. 92, recante “Misure

Avvocatura: attribuzione di quota parte dei compensi professionali a dipendenti del Settore che non abbiano la qualifica di Avvocati

  Nella Delibera n. 187 del 17 luglio 2015 della Corte dei conti Abruzzo, un Sindaco richiede delucidazioni sulla portata