Decadenza dell’Amministrazione dal potere di accertamento

Decadenza dell’Amministrazione dal potere di accertamento

Nell’Ordinanza n. 16803 del 7 luglio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che, in tema di contenzioso tributario, la decadenza dell’Amministrazione dal potere di accertamento, non rilevabile d’ufficio in quanto rimessa alla disponibilità della parte, non può essere eccepita dal contribuente mediante la presentazione di motivi aggiunti, in quanto l’integrazione dei motivi di ricorso è consentita dall’art. 24, comma 2, del Dlgs. n. 546/92, soltanto in relazione alla contestazione di documenti depositati dalla controparte e fino ad allora non conosciuti e, siccome tale ultima disposizione pone una preclusione processuale, non può essere ricollegato alcun effetto sanante al comportamento dell’Amministrazione di accettazione del contraddittorio nel merito.


Related Articles

Spesa del personale: incremento orario di un part time incide sulla capacità assunzionale dell’Ente

Nella Delibera n. 159 dell’11 dicembre 2017 della Corte dei conti Puglia un Sindaco, richiamando l’art. 3, comma 5, del

Debiti Società in liquidazione: accollo

Nella Delibera n. 47 del 9 maggio 2019 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto un parere sulla possibilità di

Albo dei Commissari di gara: diramate le istruzioni per il versamento della tariffa spettante all’Anac

Con un Comunicato del Presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione, pubblicato il 6 settembre 2018, sono state diffuse le Istruzioni operative per