Decadenza dell’Amministrazione dal potere di accertamento

Decadenza dell’Amministrazione dal potere di accertamento

Nell’Ordinanza n. 16803 del 7 luglio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che, in tema di contenzioso tributario, la decadenza dell’Amministrazione dal potere di accertamento, non rilevabile d’ufficio in quanto rimessa alla disponibilità della parte, non può essere eccepita dal contribuente mediante la presentazione di motivi aggiunti, in quanto l’integrazione dei motivi di ricorso è consentita dall’art. 24, comma 2, del Dlgs. n. 546/92, soltanto in relazione alla contestazione di documenti depositati dalla controparte e fino ad allora non conosciuti e, siccome tale ultima disposizione pone una preclusione processuale, non può essere ricollegato alcun effetto sanante al comportamento dell’Amministrazione di accettazione del contraddittorio nel merito.


Related Articles

“Foia”: adottata la nuova Circolare del Ministro della P.A. per l’attuazione della disciplina su “Accesso civico generalizzato”

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione ha firmato la Circolare n. 1/2019, concernente “Attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato (c.d.

Approvata la “Nadef 2021”: la Politica di bilancio espansiva andrà gradualmente a concentrarsi sulla riduzione del Rapporto “Debito/Pil”

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, nella Premessa al Documento approvato dal Consiglio dei Ministri del 29 settembre

Dichiarazione integrativa: esercitabile anche in pendenza di giudizio

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 20415 del 26 settembre 2014, ha affermato che la possibilità per il