Decisione di revocare e bandire una nuova gara anziché scorrere la graduatoria: motivazione esaustiva

Tar Sicilia, Sentenza n. 1174 del 5 aprile 2024

Nella fattispecie in esame, un’Azienda Ospedaliera (resistente) ha scelto di annullare l’intera procedura di gara anziché procedere con lo scorrimento della graduatoria, che avrebbe portato all’aggiudicazione dell’appalto alla ricorrente. Questa decisione non è stata adeguatamente motivata dall’amministrazione, che ha revocato la procedura senza fornire ragioni in merito all’interesse pubblico sottostante a questa scelta. L’Azienda si è limitata a bandire una nuova procedura di gara basandosi sul presupposto che i chiarimenti forniti avessero modificato l’oggetto della fornitura.

I Giudici osservano che la decisione della Stazione appaltante di preferire l’annullamento dell’intera procedura di gara invece dello scorrimento della graduatoria deve essere ampiamente motivata, anche se rientra nei margini di discrezionalità amministrativa. Sebbene la decisione di annullare l’intera procedura di gara rientri nei poteri discrezionali dell’amministrazione, è necessario fornire una motivazione adeguata che spieghi perché questa scelta è preferibile al mantenimento della graduatoria e all’aggiudicazione dell’appalto. Questa motivazione deve dimostrare che l’annullamento della gara è più in linea con i principi di efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa rispetto allo scorrimento della graduatoria. Nel caso specifico, l’Amministrazione non ha fornito questa motivazione, limitandosi a dichiarare l’illegittimità della procedura originaria e la necessità di una nuova procedura.