Delibera comunale su dismissione quote azionarie di una Società pubblica: la giurisdizione è del Giudice ordinario

Delibera comunale su dismissione quote azionarie di una Società pubblica: la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 348 del 10 marzo 2017 del Tar Piemonte,una Società a capitale interamente pubblico, avente come scopo sociale la gestione per i Comuni soci di “servizi pubblici locali a rilevanza economica”, ha contestato la legittimità di una Delibera comunale. I Giudici affermano che rientra nella giurisdizione del Giudice ordinario la controversia avente ad oggetto la Delibera con la quale alcuni Comuni hanno avviato la dismissione di quote di cui sono titolari in ambito di una Società per azioni a capitale interamente pubblico che non gestisce servizi pubblici ma solo servizi strumentali al funzionamento dei Comuni, trattandosi di atto compiuto “iure privatorum” ed “utisocius” e non “iure imperii”.

I Giudici piemontesi evidenziano che, ai sensi dell’art. 133, comma 1, lett. c) del Cpa., per radicare la giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo non è sufficiente che si tratti di servizi pubblici, ma occorre pur sempre che la Pubblica Amministrazione abbia agito nello specifico esercitando il proprio potere autoritativo.


Related Articles

Affidamento diretto di “servizi pubblici locali” e “strumentali”: le Direttive del Parlamento europeo sul Modello “in-house providing”

Nell’ambito dei modelli di gestione dei “servizi pubblici locali” e dei “servizi strumentali”, l’istituto dell’affidamento diretto è ammissibile solo nel

Corte dei Conti: un’analisi sulle partecipate di Enti territoriali e sanitari sull’esercizio 2018

La Corte dei conti nella veste istituzionale di organo ausiliario al Parlamento ai sensi della Costituzione, ha appena pubblicato e

Contributi straordinari a Società a partecipazione pubblica

Nella Delibera n. 18 del 29 gennaio 2021 della Corte dei conti Veneto, una Amministrazione comunale chiede se, per effetto