Destinazione di un’area a standard per il Consiglio di Stato

Destinazione di un’area a standard per il Consiglio di Stato

Nella Sentenza n. 4069 del 17 giugno 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che la destinazione di un’area a standard è finalizzata, mediante una servitù di uso pubblico, alla fruizione della stessa da parte dell’intera collettività indistinta dei cittadini (uti cives) e non all’uso limitato (uti singuli) da parte dei soli utenti delle unità immobiliari in relazione alle quali è sorto l’obbligo della dotazione degli standard. In particolare, nel caso di specie, un Comune lombardo autorizza nel 1982 una lottizzazione (capannoni industriali) ottenendo in cambio aree a standard: verde, Parcheggi pubblici, Magazzino comunale. Di fatto però negli anni le Ditte proprietarie dei capannoni utilizzano quegli spazi pubblici (Parcheggi e aree esterne al Magazzino comunale) come spazio di manovra per gli autotreni pesanti che accedono ai capannoni per consegnare o ritirare merce. Nel 2014 il Comune, verificato che gli standard sono sovrabbondanti, aliena mediante asta pubblica parte dei Parcheggi e il Magazzino ad una Società, la quale mediante recinzione delimita la sua nuova proprietà.

A questo punto le Ditte, private degli spazi esterni di manovra, insorgono davanti al Tar competente, che accoglie il ricorso. Il punto decisivo secondo il Tar è che, nonostante gli standard a Parcheggio siano stati ceduti al Comune e svolgano la funzione di Parcheggi destinati alla collettività, in concreto il loro uso nel tempo li avrebbe trasformati in “piazzali di manovra” con la tolleranza del Comune e che, comunque, la Convenzione di lottizzazione del 1982 andrebbe interpretata nel senso che la previsione di realizzazione e cessione di Parcheggi pubblici in ambito produttivo implica la facoltà di utilizzazione degli stessi spazi come aree di manovra per le Ditte lottizzanti.

In conclusione, i Giudici ritengono che le aree standard sono state acquisite dal Comune per finalità pubbliche e non come spazi di manovra degli autoarticolati, e la circostanza che poi siano state utilizzate anche o soprattutto per tali finalità a servizio delle Imprese non fa venire meno la destinazione giuridicamente loro impressa e la conseguente facoltà per il Comune di alienare gli immobili nel rispetto delle norme di legge.

Consiglio di Stato – Sentenza n. 4069 del 2019


Related Articles

“Servizi sociali”: da lunedí 11 maggio possibile inviare le domande per il “Bonus bebè”

Da ieri, lunedì 11 maggio 2015 è possibile presentare le domande per l’assegno di natalità (il cosiddetto “Bonus bebè”) istituito

Consiglieri provinciali: utilizzo dei permessi ex art. 79, comma 4, del Tuel

Nella Delibera n. 21 del 2 febbraio 2016 della Corte dei conti Lombardia, la richiesta di parere ha ad oggetto

Sistema di Tesoreria unica: fissato un limite al tasso d’interesse per leanticipazioni degli Enti ed Organismi pubblici

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 99 del 30 aprile 2014 il Decreto Mef 13 gennaio 2014, recante “Fissazione di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.