Digitalizzazione P.A.: l’86% dei comuni italiani è sbarcato su AppIO

In vetta Friuli, Trentino e Veneto, con solo l’1% dei comuni fuori dalla piattaforma

Regione meno conquistata dall’AppIO l’Umbria, con il 27% dei comuni fuori

L’86% dei comuni italiani è sbarcato sull’AppIO, lo strumento pensato per consentire ai cittadini di interfacciarsi con i servizi pubblici locali e nazionali, direttamente dal loro smartphone.  Forte della spinta alla digitalizzazione che è stata data dalla pandemia e dall’aver posto la registrazione a questa App come condizione per accedere a bonus che sono stati molto popolari, come il cashback o il bonus vacanze, AppIO è stata protagonista di una crescita vertiginosa e sta per toccare quota 38 milioni di download; quasi il quadruplo rispetto al marzo 2021, periodo in cui erano stata scaricata circa 10,7 milioni di volte. Una diffusione così capillare rappresenta un patrimonio per chi, come gli enti locali, ha spesso necessità di interagire con i propri cittadini per – ad esempio – avvisarli dell’imminente scadenza della Tari, notificare le multe o veicolare importanti avvisi. E le amministrazioni italiane sembrano aver, in larghissima parte, compreso il valore di questa opportunità.

Stando a quanto emerso da un’analisi condotta da Centro Studi Enti Locali sulla base dei dati di PagoPA (aggiornati al 24 marzo 2024), ad oggi ben 6.854 comuni su 7.901 sono infatti presenti sulla AppIO, circa 600 in più rispetto a due anni fa. La diffusione di questo strumento è ampia e abbastanza omogenea sul territorio nazionale. Mancano all’appello soltanto 424 comuni settentrionali (circa il 10%), 138 comuni del centro (pari al 14%) e 485 comuni del sud Italia, pari al 19% del totale.

AREA GEOGRAFICAN. Comuni presenti
su AppIO
TOT.Mancanti% mancanti sul tot.
CENTRO83096813814%
NORD3958438242410%
SUD2066255148519%
Totale complessivo68547901104713%

Restringendo il campo di analisi alle singole regioni, emergono invece divari più ampi. A tenere in alto il vessillo della digitalizzazione dei comuni italiani sono – a pari merito – il Friuli Venezia Giulia, il Trentino Alto Adige e il Veneto, che hanno il record di presenze sull’AppIO con ben il 99% degli enti locali e soltanto l’1% di enti che non si avvalgono di questo strumento. Benissimo anche l’Emilia Romagna in cui manca all’appello solo il 2% dei comuni e la Valle d’Aosta (3%). All’estremo opposto l’Umbria, in cui i comuni non ancora sbarcati sull’App rappresentano il 27% del totale e Abruzzo e Campania, con il 24%. In mezzo: Marche (7% di comuni “mancanti”), Basilicata e Piemonte (11%), Toscana (12%), Molise e Puglia (15%), Liguria, Lombardia e Sardegna (16%), Lazio (17%), Sicilia (18%) e Calabria (19%).

REGIONIN. Comuni presenti su AppIOTOT.Mancanti% mancanti sul tot.
ABRUZZO2323057324%
BASILICATA1161311511%
CALABRIA3294047519%
CAMPANIA41655013424%
EMILIA ROMAGNA32233082%
FRIULI VENEZIA GIULIA21221531%
LAZIO3153786317%
LIGURIA1972343716%
LOMBARDIA1265150423916%
MARCHE209225167%
MOLISE1161362015%
PIEMONTE1055118012511%
PUGLIA2192573815%
SARDEGNA3183775916%
SICILIA3203917118%
TOSCANA2392733412%
TRENTINO ALTO ADIGE27828241%
UMBRIA67922527%
VALLE D’AOSTA727423%
VENETO55756361%
Totale complessivo68547901104713%

Tra le città capoluogo di regione la menzione d’onore per la più attiva su questa piattaforma va alla Capitale che ha messo a disposizione dei cittadini romani ben 68 servizi che spaziano dalle notifiche per l’emissione di avvisi di pagamento per Tari, Cosap, canoni Erp, trasporto scolastico, servizi cimiteriali all’invio di notifiche e aggiornamenti su pratiche come la procedura di assegnazione di un numero civico o richieste di buoni libro. Sul podio anche Bologna e Potenza, rispettivamente con 56 e 55 servizi. La grande città, capoluogo di regione, meno attiva su questo fronte risulta ad essere Palermo che ha attivato, ad oggi, soltanto 3 servizi, relativi ad accesso alla ZTL, notifiche di multe e avvisi Tari.

CapoluogoN. servizi attivati su AppIO
L’Aquila9
Potenza55
Catanzaro10
Napoli13
Bologna56
Trieste19
Roma68
Genova41
Milano11
Ancona10
Campobasso16
Torino35
Bari30
Cagliari15
Palermo3
Firenze12
Trento18
Perugia29
Aosta5
Venezia12

La nostra attenzione alla verifica dei contenuti

Gli articoli e i contenuti prodotti dalla nostra redazione sono tutti verificati da esperti del settore. Seguendo una procedura di qualità certificata, i giornalisti della redazione operano a stretto contatto con gli esperti per verificare la correttezza delle informazioni pubblicate. L'obiettivo è quello di fornire a tutti i lettori informazioni verificate e attendibili.