Dipendenti della P.A.: il congedo per Dottorato di ricerca

Dipendenti della P.A.: il congedo per Dottorato di ricerca

L’art. 2 della Legge n. 476/84 riconosce al pubblico dipendente ammesso ai corsi di Dottorato di ricerca il congedo straordinario per motivi di studio nonché, in caso di ammissione a corsi di Dottorato di ricerca senza borsa di studio, o di rinuncia a questa, la conservazione del trattamento economico, previdenziale e di quiescenza in godimento presso l’Amministrazione di appartenenza[1]. La finalità della norma è quella di costituire un favor per il dipendente ammesso a corsi di Dottorato, garantendogli, non soltanto la conservazione del posto di lavoro già occupato, ma anche un trattamento retributivo nel caso di oggettiva assenza

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Questionario della Corte dei conti sullo stato di attuazione del “Piano triennale per l’informatica nella P.A.”

Premessa La Corte dei conti ha avviato un’Indagine volta a verificare lo stato di attuazione dell’Agenda Digitale da parte degli

Split payment: il Decreto e la Relazione del Mef “suggeriscono” alcuni comportamenti ma non chiariscono tutti i dubbi degli Enti Locali

Il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 23 gennaio 2015, pubblicato sulla G.U. n. 27 del 3 febbraio 2015, ha

Il Governo Draghi e il “Pnrr” “#Next Generation Italia (parte 1)

Rassegna sui temi che coinvolgono le Regioni e gli Enti Locali Vi sottoponiamo il primo articolo di approfondimento dal titolo