Diritto di famiglia: definitivamente superata la distinzione tra figli “naturali” e “legittimi”

La distinzione (verbale e non) tra i cosiddetti “figli naturali” ed i “figli legittimi” è definitivamente cancellata. A sancire questa piccola rivoluzione del diritto di famiglia è stato il Dlgs. 28 dicembre 2013, n. 154, pubblicato sulla G.U. n. 5 dell’8 gennaio 2014 e recante “Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell’art. 2 della Legge 10 dicembre 2012, n. 219”.

La storica equiparazione, volta a garantire lo stesso tipo di tutele e diritti tanto ai figli biologici quanto a quelli adottati, era stata introdotta giá lo scorso anno dalla Legge n. 219/12 (“Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali”, G.U. n. 293 del 17 dicembre 2012, in vigore dal 1º gennaio 2013). Il Dlgs. n. 154/13 è stato emanato in attuazione dell’art. 2 della detta Legge n. 219/12, che prevedeva appunto che il Governo dovesse adottare, “entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della presente Legge, uno o più Decreti legislativi di modifica delle disposizioni vigenti in materia di filiazione e di dichiarazione dello stato di adottabilità per eliminare ogni discriminazione tra i figli, anche adottivi, nel rispetto dell’art. 30 della Costituzione”.

Il Dlgs. n. 154/13 apporta modifiche in misura prevalente ai Libri I e II del Codice civile ma interviene, sempre in tema di filiazione, anche sul Codice penale e sui Codici di procedura civile e penale e su una serie di norme speciali come la Legge n. 898/70 (c.d. “Legge sul divorzio”).

Tra le modifiche più rilevanti segnaliamo appunto la soppressione, all’interno di tutte le norme citate, dei 2 aggettivi “naturale” e “legittimo” e il superamento del concetto di “potestá genitoriale”, al quale il Legislatore ha preferito un termine che non rimandasse al concetto di subordinazione, ovvero  “responsabilità genitoriale”.


Tags assigned to this article:
dirittofamiglia

Related Articles

Farmacie: istituzione di nuove sedi senza l’acquisizione dei pareri dell’Asl e dell’Ordine dei Farmacisti

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 5542 dell’11 novembre 2014, si è espresso sull’istituzione di nuove sedi farmaceutiche

Tia: per la contestazione della Delibera presupposta all’emissione dell’atto di accertamento si applica la giurisdizione tributaria

Nella Sentenza n. 3171 del 14 marzo 2016 del Tar Lazio, una Società ha ricevuto un avviso di pagamento relativo

Avviso di accertamento verso una Società cancellata dal Registro delle imprese

La Ctp di Milano, con la Sentenza n. 7206/46/14, afferma che se una Società di persone è stata cancellata dal

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.