Diritto Ue: illegittima l’esclusione di imprese da una gara per mancato deposito della dichiarazione relativa al protocollo di legalità

Diritto Ue: illegittima l’esclusione di imprese da una gara per mancato deposito della dichiarazione relativa al protocollo di legalità

Nella Sentenza C-425/14 della Corte di Giustizia europea 22 ottobre 2015, i Giudici statuiscono che le norme fondamentali e i principi generali del Trattato Fue – in particolare i principi di parità di trattamento e di non discriminazione nonché l’obbligo di trasparenza che ne deriva – devono essere interpretati nel senso che essi non impediscano ad una disposizione di diritto nazionale in forza della quale un’Amministrazione aggiudicatrice possa prevedere che un candidato o un offerente sia escluso automaticamente da una procedura di gara relativa a un appalto pubblico per non aver depositato, unitamente alla sua offerta, un’accettazione scritta degli impegni e delle dichiarazioni contenuti in un protocollo di legalità, come quello di cui trattasi nel procedimento principale, finalizzato a contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nel Settore degli appalti pubblici. Tuttavia, nei limiti in cui tale protocollo preveda dichiarazioni secondo le quali il candidato o l’offerente non si trovi in situazioni di controllo o di collegamento con altri candidati o offerenti, non si sia accordato e non si accorderà con altri partecipanti alla gara e non subappalterà lavorazioni di alcun tipo ad altre imprese partecipanti alla medesima procedura, l’assenza di siffatte dichiarazioni non può comportare l’esclusione automatica del candidato o dell’offerente da detta procedura.

 


Related Articles

Fatture elettroniche P.A. e assenza degli estremi della Determina di impegno di spesa: è possibile procedere al pagamento?

Il testo del quesito: “L’art. 191 del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel) prevede per ‘le spese riguardanti somministrazioni, forniture, appalti e

Notifica cartelle di pagamento: il punto della Cassazione sul procedimento

Nella Sentenza n. 23039 dell’11 novembre 2016, la Corte di Cassazione si esprime in tema di procedimento di notifica della

Responsabilità amministrativa: condanna relativa a un incarico pluriennale di consulenza per la redazione del Piano regolatore

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’appello – Sentenze n. 1244 del 19 novembre 2014 Oggetto Condanna del