Dissesto finanziario: applicazione della sanzione prevista dall’art. 248, comma 5, del Tuel

by Redazione | 23/04/2015 6:47

Nella Sentenza n. 67 del 15 aprile 2015, la Corte dei conti – Sezione giurisdizionale per la Regione Piemonte, si esprime sulla sussistenza o meno dei presupposti per l’applicabilità ai convenuti – Sindaco, Assessori e componenti pro tempore del Consiglio comunale – già condannati per responsabilità amministrativo-contabile, della sanzione prevista dall’art. 248, comma 5, del Tuel. In particolare, la sanzione in questione scatta solo quando il dissesto è diretta conseguenza dell’azione degli Amministratori locali, almeno per i fatti avvenuti prima dell’autunno del 2012, cioè la sanzione deve essere comminata laddove la Corte, valutate le circostanze e le cause che hanno

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login[1] per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.
Endnotes:
  1. Login: https://www.entilocali-online.it/wp-login.php?redirect_to=https://www.entilocali-online.it/dissesto-finanziario-applicazione-della-sanzione-prevista-dallart-248-comma-5-del-tuel/

Source URL: https://www.entilocali-online.it/dissesto-finanziario-applicazione-della-sanzione-prevista-dallart-248-comma-5-del-tuel/