Dissesto finanziario: contributo per l’incremento della massa attiva per l’anno 2013 per i Comuni dissestati

E’ stato pubblicato sulla G.U. del 20 giugno 2014, n. 141, il Dm. Interno 14 maggio 2014, recante “Contributo per l’incremento della massa attiva dei Comuni in dissesto finanziario – anno 2013”.
L’art. 3-bis, del Dl. n. 174/12, prevede che, per gli anni dal 2012 al 2014, le somme disponibili sul capitolo n. 1316 dello stato di previsione del Ministero dell’Interno denominato “Fondo ordinario per il finanziamento dei bilanci degli Enti Locali” siano destinate all’incremento della massa attiva della gestione liquidatoria degli Enti Locali in stato di dissesto finanziario, deliberato successivamente al 4 ottobre 2007.
Secondo l’art. 3-bis, alla copertura degli oneri derivanti dal contributo in parola si provvede con le somme non impegnate e ancora disponibili sul predetto capitolo 1316, accantonate ai sensi dell’art. 35, comma 6, del Dl. n. 504/92, e non utilizzate nei richiamati esercizi, per gli interventi di cui agli artt. 259, comma 4, e 260, comma 2, del Tuel.
Il Decreto in commento ha definito i criteri e le modalità per la concessione del contributo in oggetto, alla luce delle richieste avanzate da parte dei Comuni dissestati per l’anno 2012, considerate le liquidazioni del dissesto nel frattempo formalmente terminate.
Più nel dettaglio, come indicato all’art. 3-bis, del Dl. n. 174/12, il contributo è determinato nei limiti della massa passiva accertata, in base ad una quota pro-capite definita tenendo conto della popolazione residente, calcolata alla fine del penultimo anno precedente alla dichiarazione di dissesto, secondo i dati Istat. Ai fini del riparto, gli Enti con popolazione superiore a 5.000 abitanti sono considerati come Enti di 5.000 abitanti.
Per l’anno 2013, sono complessivamente erogati Euro 25 milioni sul conto di Tesoreria intestato all’Organo straordinario della liquidazione, entro i 15 giorni successivi alla data di registrazione del Decreto in commento da parte della Corte dei conti.
All’Allegato “A” del Decreto è riportata la ripartizione del contributo tra i vari Comuni.


Tags assigned to this article:
dissesto finanziario

Related Articles

Trasferimenti erariali: comunicati gli importi dei contributi relativi alle fusioni di Comuni

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 21 giugno 2018 ha messo a disposizione dei

Gestione di una Fondazione: ripiano delle perdite

Nella Delibera n. 201 del 17 novembre 2017 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto se è possibile applicare anche

“Piattaforma di certificazione dei crediti”: istruzioni per l’uso

In un quadro normativo non ancora ben definito e salvo proroghe dell’ultimo minuto, quello che è chiaro è che l’Ente

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.