“Documento di gara unico europeo”: il mancato utilizzo non implica l’esclusione dalla gara

“Documento di gara unico europeo”: il mancato utilizzo non implica l’esclusione dalla gara

Nella Sentenza n. 1025 del 14 aprile 2017 del Tar Sicilia, la questione controversa riguarda l’esclusione di una Società da una gara poiché non si è avvalsa del “Documento di gara unico europeo” (Dgue).

I Giudici siciliani chiariscono che il Dgue è un modello autodichiarativo introdotto dal nuovo “Codice degli Appalti” (art. 85 del Dlgs. n. 50/17), volto a semplificare e ridurre gli oneri amministrativi che gravano sugli operatori economici, ma anche sugli Enti aggiudicatori, che infatti sono tenuti ad accettarlo, ma il suo mancato utilizzo non è previsto come causa di esclusione, a tal fine rilevando, ai sensi e nei limiti dell’art. 80, solo il contenuto delle dichiarazioni in esso riportate.


Related Articles

“Clausola sociale”: obbligatoria per gli appalti di servizi ad alta intensità di manodopera

Nella Sentenza n. 1334 del 1° marzo 2018 del Tar Campania, la Società ricorrente, gestore uscente del Servizio, lamenta la

Requisiti di partecipazione: Principio di continuità

Nella Sentenza n. 951 del 5 maggio 2020 del Tar Catania, i Giudici affermano che il c.d. Principio di continuità

Servizi di progettazione: possesso maggioritario dei requisiti da parte del mandatario

Nella Delibera n. 77 del 29 gennaio 2020 dell’Anac, la questione controversa riguarda una procedura negoziata ex art. 36, comma