Edilizia: unificati a livello nazionale e semplificati i Moduli per la “Scia” e il “Permesso a costruire”

Con una Nota 17 giugno 2014, pubblicata sul proprio sito istituzionale, il Ministero per la Semplificazione e la P.A. ha precisato di aver adottato – grazie all’accordo “Italia Semplice”, siglato il 12 giugno 2014 tra Governo, Regioni ed Enti Locali – i Moduli unificati e semplificati per la “Scia” edilizia e il “Permesso di costruire” (art. 20 del Dpr. n. 380/01 e art. 7 del Dpr. n. 160/10).
L’Accordo consente di superare l’estrema frammentazione della documentazione in oggetto, finora elaborata su Modelli diversi da ogni singolo Comune.
Un’ulteriore passo verso la semplificazione è stato poi compiuto attraverso il superamento della duplicazione dei Documenti: “non verrà più chiesta – si legge nel Comunicato – la documentazione che l’Amministrazione ha già. Basterà una semplice autocertificazione o l’indicazione degli elementi che consentono all’Amministrazione di reperire la documentazione”.
All’occorrenza, il Modulo valido a livello nazionale potrà essere adeguato alle specificità della normativa regionale.
A questo Provvedimento – stando alle intenzioni dichiarate dal Ministero – faranno seguito l’adozione di altri Moduli per l’edilizia, l’ambiente e l’avvio delle attività produttive e altre semplificazioni delle procedure connesse alle attività edilizie.
Alla Nota sono allegati i 2 Modelli unificati (“Scia” e “Richiesta di permesso a costruire”) in formato “Pdf”, testuale e – “a titolo esclusivamente dimostrativo” – una demo del Modulo “Scia” in formato digitale.


Tags assigned to this article:
Ediliziascia

Related Articles

Giudice ordinario: opposizione al provvedimento di sgombero di un immobile comunale

Nell’Ordinanza n. 9683 del 5 aprile 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di

Servizi complementari: legittimo l’affidamento senza gara solo se il nuovo Servizio non è separabile da quello previsto nel contratto iniziale

Nella Sentenza n. 1217 dell’8 settembre 2015 del Tar Toscana, i Giudici statuiscono che l’affidamento di servizi complementari con procedura

Incentivi per funzioni tecniche: non sono erogabili in assenza di un quadro economico

Nella Delibera n. 25 del 19 marzo 2019 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto un parere sull’interpretazione delle previsioni

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.