Enti di nuova costituzione a seguito di processi di fusione: vincoli, limitazioni e opportunità assunzionali

Nella Delibera n. 326 del 13 ottobre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Comune istituito a seguito della fusione di due Comuni, non soggetto al Patto di stabilità nei cinque anni successivi alla propria istituzione, richiede chiarimenti in ordine ai vincoli, alle limitazioni e alle opportunità assunzionali, a tempo indeterminato e determinato, del nuovo ente, con particolare riferimento all’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14 e al comma 450 della medesima norma che esclude i Comuni sorti a seguito di fusione dalle disposizioni previste dal comma 424. La Sezione rileva che la normativa riferita, non prevede alcunché in

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.