Esclusione delle offerte anormalmente basse: obbligo di motivazione

Esclusione delle offerte anormalmente basse: obbligo di motivazione

Nel Parere n. 129 del 15 luglio 2015 l’Anac afferma che è l’illegittima l’esclusione dell’operatore economico dalla gara per anomalia dell’offerta economica, qualora l’esclusione non sia sufficientemente motivata, tenuto conto che la motivazione del giudizio di anomalia, nel caso di giudizio negativo, deve essere necessariamente rigorosa e puntuale.

Nella fattispecie in esame, una Srl ha chiesto un parere sulla legittimità della propria esclusione da alcuni lotti di una gara per l’affidamento dei lavori di manutenzione della segnaletica orizzontale in tratti saltuari nelle strade regionali di alcune province. In particolare, l’operatore economico, nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia, aveva presentato giustificazioni riguardanti vari aspetti dell’offerta. La stazione appaltante, all’esito del sub-procedimento di verifica di congruità dell’offerta, dopo avere rilevato che l’Impresa in questione aveva presentato un ribasso percentuale superiore alla soglia di anomalia, si era limitata a rilevare che “l’offerta, in base all’esame degli elementi emersi nella procedura ad evidenza pubblica risulta, nel complesso inaffidabile per l’eccesso di ribasso in relazione alla attività richiesta nonché ai materiali offerti atti all’impiego”.

L’Anac ha quindi affermato l’illegittimità dell’esclusione dell’operatore economico istante in quanto non sufficientemente motivata.

Anac – Parere n. 129 del 15 luglio 2015


Related Articles

Imposta di soggiorno non versata: è danno erariale

Nella Sentenza n. 273 del 30 settembre 2020 della Corte dei conti Toscana, il Procuratore regionale in questione cita in

“Dichiarazione Iva 2017”: per gli adempimenti fiscali connessi alla scadenza il riferimento la data è il 28 febbraio 2017

Tutti gli adempimenti fiscali aventi scadenza successiva al 28 febbraio 2017 e connessi al “termine di presentazione” del Modello di

Concessione servizi pubblici: giurisdizione del Giudice ordinario per la controversia relativa alla richiesta di revisione del canone

Nella Sentenza n. 2958 del 15 giugno 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che, in materia di concessione